> > Socialisti: Sanchez a 'l'Avanti!', 'valori socialdemocrat...

Socialisti: Sanchez a 'l'Avanti!', 'valori socialdemocratici più vivi che mai'

default featured image 3 1200x900

Roma, 2 dic (Adnkronos) - "I valori socialdemocratici sono più vivi che mai". Lo dice Pedro Sanchez in una intervista sull''Avanti! Della domenica' che esce domani in edicola con 'il Riformista'. "Negli spazi di Ifema, l’avveniristico centro congr...

Roma, 2 dic (Adnkronos) – "I valori socialdemocratici sono più vivi che mai".

Lo dice Pedro Sanchez in una intervista sull''Avanti! Della domenica' che esce domani in edicola con 'il Riformista'. "Negli spazi di Ifema, l’avveniristico centro congressuale e fieristico di Madrid, Sánchez ha da poco concluso il suo primo discorso da presidente dell’Internazionale socialista", scrive introducendo l'intervista la direttrice de 'l'Avanti' Giada Fazzalari, che poi sottolinea: "Al congresso dell’Internazionale Socialista, il Psi è attualmente l’unico partito italiano membro dell’IS".

Nella lunga intervista, il premier spagnolo tra le altre cose sottolinea: "Il paradosso è che i governi che appartengono ad altre famiglie ideologiche alla fine hanno adottato politiche chiaramente socialdemocratiche" e "quello che dobbiamo fare è dimostrare che non si tratta semplicemente di una risposta a una congiuntura concreta, bensì è un modello della società duraturo nel quale si possono riconoscere le classi medie e quelle lavoratrici.

E ciò si ottiene affrontando direttamente i problemi. La socialdemocrazia del secolo XXI deve essere, più che mai, una politica di azione. Una politica di fatti".

Per Sanchez, si legge ancora su 'l'Avanti! Della domenica', "dopo decenni di dominio, le ricette neoliberali hanno fallito. La loro eredità è un aumento impressionante della disuguaglianza, un modello di sviluppo ingiusto e insostenibile, e una messa in discussione della capacità della democrazia rappresentativa per risolvere i problemi della maggioranza sociale".

(Adnkronos) – Il premier spagnolo non ha dubbi: "Le forze progressiste hanno la responsabilità storica di essere protagoniste dei cambiamenti. A tal fine, abbiamo bisogno di costruire riferimenti chiari, con piena, precisa consapevolezza delle sfide del presente e una chiara visione del futuro a medio e lungo termine, affinché le riforme che realizziamo siano solide e durature".

"Di fronte al tono catastrofico che piace tanto alle destre, noi crediamo che gli enormi problemi del mondo abbiano una soluzione.

E ciò deve essere il compito della Internazionale Socialista: pensare e definire le soluzioni ai problemi partendo da un’interpretazione ambiziosa e globale", spiega ancora.