> > Sondaggi politici elettorali, secondo Emg in calo la fiducia nel governo Meloni

Sondaggi politici elettorali, secondo Emg in calo la fiducia nel governo Meloni

in calo fiducia governo meloni

Secondo gli ultimi sondaggi politici elettorali elaborati da Emg per Agorà, rimane invece stabile al 30% la quota di coloro che hanno “abbastanza” fiducia

Finora i sondaggi politici hanno confermato la continua ascesa di Fratelli d’Italia e il giudizio positivo sull’operato del governo Meloni.

L’ultimo sondaggio elaborato da Emg per il programma Agorà, registra una prima flessione dei giudizi positivi

La luna di miele del governo Meloni

Fino ad oggi i sondaggi hanno confermato, settimana per settimana, la continua ascesa di Fratelli d’Italia, traino per l’intero governo guidato da Giorgia Meloni. Risultati in continua ascesa dunque grazie alla “luna di miele” di Giorgia Meloni con il suo elettorato che fino ad ora ha confermato la piena fiducia nella politica di un governo, fortemente caratterizzato dalla personalità della sua Presidente del Consiglio.

Sondaggi politici, in calo i giudizi positivi

Da quanto riporta l’ultimo sondaggio politico elettorale elaborato da Emg ( per il programma Agorà), risulta ora un calo nella fiducia del governo Meloni. O meglio, secondo la rilevazione, rimane stabile al 30% la quota di coloro che hanno “abbastanza” fiducia nell’esecutivo di centrodestra, ma:

– calano del 2 per cento gli italiani che dicono di avere molta fiducia

calano del 2 per cento gli italiani che avevano espresso un giudizio “positivo” sul governo

– aumentano del 2 per cento i giudizi negativi

Occorre ora attendere i prossimi sondaggi elettorali elaborati dagli altri istituti di ricerca per confrontarli con quelli diffusi da Emg.

Le priorità secondo gli intervistati

Sembre riguardo il sondaggio Emg, per quanto riguarda le priorità che secondo gli intervistati il governo Meloni dovrebbe tenere presenti nel suo operato figura al primo posto “l’aumento di salari e pensioni”, seguito dall’”aumento dell’occupazione”, la riduzione delle tasse”, la “fine della guerra in Ucraina”, “il rilancio della sanità pubblica”, “il contrasto ai cambiamenti climatici”. Infine, “la messa in sicurezza del territorio”.