×

Sondaggio Pagnoncelli, il 46% contrario all’invio di armi in Ucraina

Nell'ultimo sondaggio Pagnoncelli il 46% degli italiani si è dichiarato contrario all'invio di armi all'Ucraina, nel precedente sondaggio era il 48%

Sondaggio Pagnoncelli su armi Ucraina

Presentato l’ultimo sondaggio Ipos da Nando Pagnoncelli nella puntata di Dimartedì del 10 maggio: la maggioranza degli italiani intervistati è contaria all’invio di armi in Ucraina e alla politica oltranzista degli USA di Biden 

L’ultimo sondaggio Pagnoncelli

Nel corso dell’ultima puntata di ‘Dimartedì‘ su La7 andata in onda il 10 maggio, Nando Pagnoncelli ha presentato il consueto sondaggio Ipos.

Che ha evidenziato, ancora una volta, cosa ne pensano gli italiani sui vari aspetti che riguardano la guerra in corso in Ucraina.

Il 56% contro la politica “oltranzista” di Biden

Tra  i dati più interessanti da evidenziare l’opinione degli italiani sulla politca degli Stati Uniti, anche in relazione all’incontro tra Mario Draghi e Biden: secondo il 56% infatti, gli Usa “vanno avanti a testa bassa per la loro strada” quindi “L’Italia e l’Unione Europea dovrebbero differenziarsi da loro”.

Di contro, secondo il 26% “Gli USA stanno difendendo la democrazia e l’Europa” quindi la politica intransigente di Biden nel contesto della crisi ucraina  “é la strada giusta per affrontare Putin”. 

Il 46% contrario all’invio di armi

Altro tema molto importante – e come sappiamo divisivo anche nel contesto della politica del nostro Paese – è la questione sull’invio delle armi all’Ucraina per fronteggiare l’invasione della Russia. Alla domanda:” “È giusto che l’Italia e la Nato continuino a inviare armamenti all’Ucraina? “Il 46 per cento degli intervistati ha risposto “No”, mentre il 41 per cento “Sì”.

Occorre notare che la settimana precedente, alla domana “È giusto che l’Italia invii armi all’Ucraina?” si era dichiarato contrario il 48% degli intervistati. Nell’ultima domanda si è menzionata solo l’Italia mentre in quella precedente anche la Nato.

Contents.media
Ultima ora