×

“Sono fiero di essere un camorrista”: bufera sul candidato del Terzo Polo

Carlo Calenda e l'imbarazzo per quel vicesegretario a Napoli e candidato alla Camera con il Terzo Polo che disse “Sono fiero di essere un camorrista”

Pasquale del Prete con Carlo Calenda

A suo tempo disse, ovviamente con intento provocatorio ma molto poco elegante: “Sono fiero di essere un camorrista” ed oggi è bufera sul candidato del Terzo Polo Pasquale del Prete. Le cui affermazioni sul disciolto consiglio comunale di Frattamaggiore accompagnano una campagna elettorale in cui Carlo Calenda sta facendo i conti con l’imbarazzo dei candidati segnalati dai territori.

“Sono fiero di essere un camorrista”

Del Prete è vicesegretario provinciale di Azione a Napoli e candidato alla Camera dei Deputati con la lista del Terzo Polo in Campania. Il Giornale spiega che nel 2020, nel corso di un comizio per le elezioni comunali di Frattamaggiore, Del Prete avrebbe urlato dal palco: “Sono fiero di essere camorrista”. Lo fece rivendicando la sua appartenenza a un’amministrazione sciolta per infiltrazioni dal Prefetto.

C’è un video di circa 50 secondi in cui secondo Open si sente Del Prete dire: “Insieme a Enzo Del Prete ci hanno accusato di essere camorristi. Sono fiero di essere camorrista insieme ad Enzo Del Prete”.

L’imbarazzante provocazione al comizio

Chi è Enzo Del Prete? L’ex sindaco di Frattamaggiore destinatario del provvedimento di scioglimento in capo all’amministrazione che guidava nel 2001. E perché il Prefetto di Napoli adottò quell’atto? Per infiltrazioni della camorra con conferme in punto di diritto amministrativo di doppia sentenza, sospesiva e di merito, del Tar e del Consiglio di Stato.

In quell’amministrazione militava anche Il Del Prete in oggetto che non venne sottoposto ad indagini penali.

Contents.media
Ultima ora