> > Sorpresi a rubare merce in un supermercato: due denunciati

Sorpresi a rubare merce in un supermercato: due denunciati

La polizia ferma due ladri a Taranto

Sorpresi a rubare merce in un supermercato: due denunciati, l'uomo l’uomo ha ammesso di essersi cambiato d’abito per depistare le indagini

Sorpresi a rubare merce in un supermercato: due denunciati, una coppia prova ad impossessarsi di prodotti a Taranto ma viene fermata dal direttore e viene intercettata dalla polizia.

Una nota stampa della Squadra Volante spiega che l’equipaggio è intervenuto per una “lite tra due individui. Giunti in prossimità dell’attività commerciale, i poliziotti hanno notato un individuo di circa 35 anni con indosso una tuta da lavoro, che discuteva animatamente con il direttore del supermercato e che alla vista della pattuglia si è dato a precipitosa fuga. 

Sorpresi a rubare merce in un supermercato

“A spiegare cosa fosse successo è stato il direttore: l’uomo, accompagnato da una donna, era entrato nel supermercato ed aveva “verosimilmente trafugato diversi prodotti esposti sugli scaffali, staccando le targhette antitaccheggio e occultandole nella borsa della donna, che usciva indisturbata, mentre l’uomo si fermava alle casse per pagare altri articoli”.

Il direttore ha raggiunto la donna e l’ha fatta rientrare ma a quel punto l’uomo lo ha invitato a non avvisare le forze dell’ordine”. Allora i due avevano tentato la fuga dopo aver “minacciato il responsabile, mentre la donna prima ha spintonato due dipendenti intervenuti in aiuto e dopo, a bordo dell’auto, ha tentato di investire i due addetti del supermercato”. 

La fuga e l’ammissione del reato

Stando la resoconto gli agenti di di polizia della Puglia hanno individuato l’uomo che ha “ammesso di essersi cambiato d’abito per depistare le indagini”.

Poco dopo è stata rintracciata la donna. Trasmessi gli atti all’Autorità Giudiziaria, i due “sono stati denunciati perché presunti responsabili dei reati di rapina impropria e ricettazione in concorso e porto di armi od oggetti atti ad offendere”.