Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Sparatoria a Bari: davanti allo stadio un morto e un ferito
Cronaca

Sparatoria a Bari: davanti allo stadio un morto e un ferito

sparatoria

Un ragazzo di 24 anni è morto. Ferito alla colonna vertebrale un secondo. E' il bilancio dell'inseguimento e della sparatoria a Bari.

Uno scooter ed un’auto si sono ricorsi per le vie della periferia di Bari fronteggiandosi con colpi d’arma da fuoco. La sparatoria è terminata nei pressi dello stadio San Nicola quando i due mezzi si sono scontrati. Un ragazzo di 24 anni è morto. Un secondo è stato ferito alla colonna vertebrale da un proiettile.

Sparatoria a Bari

Conflitto a fuoco alla periferia di Bari. Il bilancio della sparatoria è di un morto e di un ferito grave. Stando alle prime informazioni, ci sarebbe stato un inseguimento tra persone in moto e altre a bordo di un’auto. La folle corsa è iniziata nel rione Carbonara e si è conclusa nei pressi dello stadio San Nicola. Durante tale tragitto, per lo spavento degli altri automobilisti che in quel momento si trovavano a transitare su quelle strade, i due gruppi si sarebbero fronteggiati a colpi d’arma da fuoco.

L’inseguimento è terminato solo dopo un incidente stradale. Tra un sorpasso e l’altro, l’auto e lo scooter si sono infatti scontrate.

Sull’asfalto, morto sul colpo, è rimasto il corpo di un ragazzo di 24 anni. Si ipotizza che fosse uno dei soggetti a bordo della moto. Il ferito è invece ricoverato in gravi condizioni nel reparto di rianimazione dell’ospedale “Di Venere” di Bari-Carbonara.

Non sarebbe stato lo schianto a causargli però le lesioni. Il ferito infatti è stato soccorso perché colpito alla colonna vertebrale da uno dei proiettili sparati durante l’inseguimento. Gli altri occupanti dell’auto, una Renault Laguna, sono riusciti invece a dileguarsi dopo l’incidente. In breve tempo sul posto sono intervenute le volanti della polizia. Il caso è stato affidato alla Direzione distrettuale antimafia.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche