Sparatoria al ristorante: quattro morti e tre feriti
Sparatoria al ristorante: quattro morti e tre feriti
Esteri

Sparatoria al ristorante: quattro morti e tre feriti

nashville

L'autore della strage, avvenuta a Nashville (Usa), sarebbe un uomo di 29 anni, al momento ancora in fuga.

Quattro morti e tre feriti: questo è il bilancio dell’ennesima sparatoria avvenuta negli Usa. Le vittime sono state colpite in un ristorante della catena Waffle House a Nashville (Tennessee) nella notte di sabato verso le 3.25-ora locale- (10.30 circa in Italia), secondo quanto riferisce la polizia della città. Appena arrivate sul posto, le forze dell’ordine hanno trovato tre morti; un ferito purtroppo è deceduto in ospedale. Due dei feriti sono attualmente in condizioni critiche; un ultimo paziente invece non sembra essere in pericolo di vita.

Il killer

Le Forze dell’Ordine stanno ancora cercando il killer, che è fuggito; il principale sospettato si chiama Trevis Renking e ha ventinove anni. Secondo le prime testimonianze raccolte dalla polizia, l’uomo sarebbe stato nudo al momento della sparatoria, se non per un giubbotto verde addosso. Il killer, sempre secondo i resoconti iniziali, è “un uomo bianco con i capelli corti”. Da queste prime informazioni, le forze dell’ordine hanno poi provveduto a identificare l’assassino.

Renking è domiciliato a Morton in Illinois, cioè 725 chilometri a nord rispetto al luogo della sparatoria. Il giovane, che ha ucciso e ferito i clienti del ristorante con un fucile, è stato disarmato proprio da un avventore del ristorante; secondo quanto riferiscono i media americani, l’uomo ha monitorato i movimenti di Renking e ha agito prontamente al momento opportuno. Non sono chiare le ragioni del suo gesto: probabilmente, secondo le prime ipotesi, l’uomo è affetto da disturbi mentali.

Le ricerche

Continua nel frattempo la ‘caccia all’uomo’: la polizia sta usando anche degli elicotteri per trovarlo; non si esclude che il giovane “possa avere ancora altre armi con sé” ed è senz’altro “estremamente pericoloso”. Le forze dell’ordine hanno poi comunicato che un uomo, molto somigliante a Renking, è stato avvistato vicino al ristorante e che indossava un paio di pantaloni neri e nessuna maglia. Le autorità comunque hanno rivolto un appello verso chiunque conosca Renking, chiedendo di essere contattati per avere maggiori informazioni. La polizia ha inoltre chiesto ai residenti di tenere chiuse a chiave le porte delle loro abitazioni e di stare all’erta. Le parole di Don Aron, portavoce della polizia di Nashville: “Tenete le porte chiuse a chiave, tenete gli occhi aperti: se vedete questo individuo, se lo vedete aggirarsi nei dintorni, chiamate immediatamente le forze dell’ordine”.

Le prime reazioni

Il sindaco della città, David Briley, ha comunicato di essere accanto ai parenti delle vittime: “So che la loro vita è completamente cambiata dopo questo orribile crimine. Chiedo alla città di Nashville di pregare e di raccogliersi intorno ai familiari delle vittime”. La catena Waffle House si è subito offerta di collaborare con le autorità per ricostruire nel modo più preciso possibile la dinamica degli eventi. Ha inoltre pubblicato una nota di cordiglio per i familiari delle vittime di stanotte. Il tragico episodio scatenerà sicuramente un ulteriore dibattito contro la facilità di accesso alle armi negli Usa.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche