×

Spazi da non perdere, riqualificazione urbana curato da abitanti

Roma, 28 apr. (askanews) -L’esperienza di riqualificazione urbana a cura degli abitanti del comune siciliano di Modica rientra nell ambito del progetto

“Costruiamo il futuro”, sostenuto da Con i Bambini attraverso il Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Un gruppo di cittadini ha preso parte a tre passeggiate “comunitarie” alla scoperta del territorio, curate dalla cooperativa sociale Demetra partner del progetto, finalizzate ad abbellire un tratto di strada scelto insieme.

Il gruppo era composto da 18 partecipanti tra i 20 e gli 80 anni, tra cui i ragazzi provenienti da Casa Don Puglisi e dalla cooperativa sociale L Arca e altri abitanti più adulti, a conferma dell importanza di un incontro tra generazioni differenti attorno al tema dei beni comuni.

Le motivazioni che hanno portato a selezionare insieme questo luogo, all altezza dell ormai dismesso Reale Asilo Infantile Regina Margherita, sono diverse: la posizione panoramica della via dalla quale è possibile osservare, da una parte, uno scorcio di Modica Bassa e dall altra, il campanile del Duomo di San Giorgio; la presenza di numerose case vacanze, che denotano un

vivace viavai di turisti; la componente architettonica che spazia da tecniche costruttive semplici, come si evince dai muretti a secco, al più maestoso barocco dei palazzi nobiliari e delle chiese; l’ottima esposizione alla luce naturale, senza l’ingombro di muri e palazzi alti.

Dalla pitturazione di cassette in legno, fioriere, ciotole e vasi, avvenuta nel pieno rispetto delle cromie del luogo, alla scerbatura delle erbe spontanee, dalla pulizia e smaltimento dei rifiuti abbandonati al restauro della ringhiera antistante l’accesso del Reale Asilo Infantile Regina Margherita, le attività hanno consentito un intervento di riqualificazione urbana che si è concluso con la consegna di attestati di partecipazione a quanti si sono impegnati per raggiungere questo obiettivo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Contents.media
Ultima ora