Spinaci surgelati e allucinogeni: intossicazione per un'intera famiglia - Notizie.it
Spinaci surgelati e allucinogeni: intossicazione per un’intera famiglia
Milano

Spinaci surgelati e allucinogeni: intossicazione per un’intera famiglia

spinaci
Spinaci surgelati e allucinogeni: intossicazione per un'intera famiglia

Milano, spinaci surgelati e allucinogeni. Un’intera famiglia in ospedale.

Spinaci, solitamente la verdura fa bene, questa specialmente, consigliata a tutti, grandi e piccini, ma non la pensa allo stesso modo una famiglia di Milano. A quanto si è appreso, infatti, lo scorso sabato 30 settembre un intero nucleo familiare – marito, moglie e due figli -, si è visto costretto a correre al Pronto Soccorso del Fatebenefratelli in preda, chi più e chi meno, a confusione mentale e stati di amnesia.

Gli spinaci, a quanto sembrerebbe sono quindi stati colpevoli di aver avvelenato l’intera famiglia. Non è stato facile arrivare ad una diagnosi, ma dopo diverse analisi e aver indagato su comportamenti e alimentazione degli sventurati, i medici sono arrivati alla conclusione che si era trattato di un’intossicazione alimentare. Sì, ma dovuta a cosa?

Ecco, quindi, che continuando a indagare sui cibi ingeriti dalla famiglia, si è giunti alla conclusione che i colpevoli, come già detto, sono stati gli spinaci. Tutti i membri della famiglia, infatti, avevano mangiato spinaci surgelati di un’importante marca venduti in un supermercato altrettanto noto.

spinaci

Il problema, e nessuno poteva saperlo, è che mescolati insieme agli spinaci c’erano anche foglie di mandragora, la pianta a cui nell’antichità venivano attribuiti poteri magici, in realtà un’erba velenosa che nel raccolto è facile che possa confondersi tra le foglie degli spinaci.

Il dipartimento di Scienze farmacologiche e biomolecolari dell’Università Statale sta eseguendo le specifiche analisi morfobotaniche e tossicologiche sui campioni di spinaci surgelati.

Gli esiti conclusivi si avranno entro il fine settimana. Ma gli esami già eseguiti sugli spinaci che hanno comportato il ricovero della famiglia, sono risultati positivi ai controlli: all’interno della confezione c’erano effettivamente tracce di mandragora.

La Mandragola e gli spinaci

La mandragora, è un genere di piante appartenenti alla famiglia delle Solanaceae, comunemente note come Mandragola. Le loro radici sono caratterizzate da una peculiare biforcazione che ricorda la figura umana (maschile e femminile); insieme alle proprietà anestetiche della pianta. Questo fatto ha probabilmente contribuito a far attribuire alla mandragola poteri sovrannaturali in molte tradizioni popolari. La mandragora autunnale (Mandragora autumnalis) è velenosa.

Gli esperti dell’ATS

Come era facile immaginare questa storia ha creato un certo scalpore e, ovviamente, ha buttato nel panico sia i consumatori di spinaci, quanto coloro che li vendono. Si è ricorsi, dunque, anche per cercare di chiarire al meglio la situazione e valutare rischi e probabili pericoli, agli aesperti dell’ATS.

Ecco qual è stato il loro responso ad analisi condotte e concluse:

“I rilievi sono giudicati compatibili con la contaminazione nell’alimento originario (gli spinaci, ndr ) di componenti fogliacei di mandragora, erba che può infestare i campi delle coltivazioni di vegetali commestibili.”. Fatta tale precisazione, c’è da aggiungere che gli spinaci attualmente sul mercato vengono, però, considerati sicuri, infatti ecco cosa si legge nel report dell’Ats:

“Per entrambi i casi sono state esperite le consuete procedure di sequestro dei lotti interessati e di richiamo delle relative forniture, con la piena collaborazione delle rispettive aziende di distribuzione al dettaglio e di produzione/commercializzazione. In stretto raccordo con gli uffici di Prevenzione dell’assessorato alla Sanità sono state avviate le procedure del sistema di allerta alimentare sia a livello regionale sia nazionale, anche tramite apposita segnalazione al Ministero della Salute.”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche