Juventus, Bonucci “Milan? Errore fatto per rabbia”
Sport

Juventus, Bonucci “Milan? Errore fatto per rabbia”

calciomercato juventus, bonucci
Calciomercato Juventus, sirene spagnole per Bonucci

Il difensore della Juventus e della Nazionale rincara la dose contro la sua ex squadra: "Milan? Un errore fatto per rabbia, Juve esempio di rigore.

Aveva già fatto arrabbiare i tifosi del Milan. Ora Leonardo Bonucci, difensore della Juventus e della Nazionale italiana, torna a rincarare la dose in un’intervista al Corriere dello Sport: “Il Milan? Decisione difficile presa in un momento di rabbia, adesso ho capito che l’istinto ci può far compiere scelte sbagliate”. Difficile ingoiare una dichiarazione così per i supporter rossoneri, soprattutto se affiancata alla dichiarazione d’amore per la Juventus. Nella società torinese “ci sono rigore e serietà, il mio sogno è di poterla allenare in futuro. Per questo sto mettendo da parte tutto ciò che ho visto dagli allenatori che ho avuto in carriera”.

Il rapporto con Massimiliano Allegri

L’amore per i colori bianconeri sembra essere completamente ritornato. Non come nell’estate 2017, quando i litigi con l’allenatore Massimiliano Allegri lo avevano portato a prendere la strada di Milano. “Capita di avere discussioni anche accese”, ha detto Bonucci riguardo il rapporto con il tecnico, “poi ci si chiarisce, ci si stringe la mano e si va avanti.

La sua dote migliore è l’intelligenza, così riesce a gestire uno spogliatoio tanto importante”.

Obiettivo per la stagione? La Champions League

Nella testa del difensore c’è prima di tutto l’obiettivo di vincere la Champions League. Nella mente ha ancora l’immagine della finale di Cardiff, quando Cristiano Ronaldo fu protagonista nel 4-1 che condannò i bianconero. Ora però è compagno di squadra di Bonucci: “Vorrei cancellare la finale di Cardiff”, ha detto, “la società ha costruito una rosa importante per realizzare quel sogno: con Cristiano Ronaldo (sempre più al centro della cronaca per il presunto scandalo sessuale avvenuto nel 2009) diventa tutto più credibile. Però è anche questione di fortuna, sacrificio e lavoro di qualità”

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche