Arbitro fischia la fine della partita e scoppia in lacrime
Arbitro fischia la fine della partita e scoppia in lacrime
Sport

Arbitro fischia la fine della partita e scoppia in lacrime

arbitro lacrime piange partita
arbitro lacrime piange partita

Marco Ricci ha fischiato la fine della gara poi è inevitabilmente scoppiato a piangere in mezzo al campo. Grave lutto per lui: è morto il padre.

Marco Ricci, dopo aver fischiato la fine della partita tra Fermana e Sudtirol, è scoppiato in lacrime in mezzo al campo. Circolano le immagini dell’uomo, in veste arbitrale, a capo chino con la mano destra a coprire il volto, mentre nella sinistra tiene ancora il fischietto. L’uomo aveva deciso di presenziare alla partita nonostante pochi giorni prima avesse subito un grave lutto: quello del padre. Così, dopo aver retto per i novanta minuti di gara, è crollato non appena questa è finita.

Lutto per l’arbitro, lo sfogo dopo la partita

I giocatori del Fermana e del Sudtirol stavano rientrando in panchina e alcuni di loro si erano già avviati verso gli spogliatoi quando, inaspettatamente, l’arbitro Marco Ricci è scoppiato in lacrime. Tra lo stupore e l’imbarazzo di pubblico e atleti, Marco Ricci si è lasciato andare a un pianto liberatorio che, probabilmente, tratteneva da tutta la partita. Non è però riuscito a resistere oltre il novantesimo minuto e, ancora in mezzo al campo, si è inevitabilmente commosso.

Il motivo di tanta disperazione sta nel recente lutto subito da Marco Ricci.

L’uomo deve infatti elaborare la morte del padre. Poco dopo il momento di commozione, però, si è ripreso e si è immediatamente scusato con i propri collaboratori e con dirigenti, atleti e tifosi delle due società. Spiegato il motivo della sua instabilità emotiva ha ricevuto non solo la comprensione di tutti, ma anche sincere e le sentite condoglianze da parte delle due squadre.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marta Lodola
Marta Lodola 356 Articoli
Classe 1994, nata e cresciuta a Milano. Laureata in Lettere, amante della storia. Giornalista d'aspirazione, educatrice e calciatrice per passione.