Vialli da Fazio: "Dopo la malattia sono una persona migliore"
Vialli da Fazio: “Dopo la malattia una persona migliore”
Sport

Vialli da Fazio: “Dopo la malattia una persona migliore”

A "Che tempo che fa" Gianluca Vialli racconta della sua battaglia contro il cancro.

Gianluca Vialli, ospite della trasmissione “Che tempo che fa” in onda su Rai1, ha parlato della sua difficile battaglia contro il cancro. Nella lunga intervista, parlando con il conduttore Fabio Fazio, l’opinionista televisivo ha raccontato di come – non appena venuto a sapere della malattia – abbia deciso di affrontarla: “È successa in maniera improvvisa”, racconta Vialli, “E l’ho affrontata come quando facevo il calciatore”.

L’ex di Juventus e Sampdoria spiega quindi come ha deciso di agire: “Mi sono dato degli obiettivi a lunga scadenza. Come non morire prima dei miei genitori, e portare all’altare le mie figlie quando si sposeranno”. “Ma”, prosegue, “Anche degli obiettivi a breve scadenza: l’operazione, la degenza, la chemio, la radio, e poi andare di nuovo in Sardegna con un fisico da far vedere”.

“Ora sono una persona migliore”

Proseguendo il racconto, Vialli spiega che “Faccio fatica a dirlo, ma credo che questa esperienza, di cui si farebbe volentieri a meno, mi abbia reso una persona migliore”.

Perchè, secondo l’ex attaccante, “Ti aiuta a vedere le cose in un’altra prospettiva, dai più valore alle cose, alla famiglia, e al fatto che devi prenderti cura di te stesso”. “Una cosa”, conclude, “Che se viene va sfruttata per diventare persone migliori”.

L’ex calciatore, uno dei pochi ad aver vinto tutte e tre le competizioni UEFA per club, ha però anche voluto cogliere l’occasione per ringraziare i tanti tifosi che hanno esposto striscioni di solidarietà nei suoi confronti, una volta che la notizia della malattia era diventata di pubblico dominio.

“È stato bellissimo e commuovente” dice. E prosegue affermando che “Sono passati tanti anni, ma si ricordano ancora“.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche