Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Pallone d’Oro, Ada Hegerberg vittima di una gaffe sessista
Sport

Pallone d’Oro, Ada Hegerberg vittima di una gaffe sessista

Gaffe sessista nei confronti di Ada Hegerberg
Ada Hegerberg vince il Pallone d'Oro femminile

Nel corso della premiazione il dj Solveig chiede alla calciatrice: "Sai twerkare?". Poi arrivano le scuse.

Spiacevole episodio nel corso della cerimonia della prima edizione del Pallone d’Oro femminile, vinto da Ada Hegerberg. Il presentatore e dj francese Martin Solveig ha chiesto incautamente alla calciatrice del Lione e della nazionale norvegese: “Sai twerkare?”. La 23enne ha risposto con un secco “no” prima di lasciare il palco. I social si sono subito scatenati con commenti negativi da parte di numerosi utenti che hanno stigmatizzato il comportamento di Solveig. Tra questi il tennista Andy Murray, che su Instagram ha tuonato: “Un altro esempio del ridicolo sessismo che ancora esiste nello sport”.

Le scuse di Solveig

Il dj, dopo la bufera scatenatasi per le sue parole, è intervenuto a più riprese su twitter per difendersi dalle accuse e spiegarsi. Questa la sua, dettagliata, versione dei fatti: “Mi scuso con chiunque possa essersi sentito offeso. Non volevo invitare Ada a twerkare, ma a ballare sulle note di Frank Sinatra perché per ogni vincitore avevo preparato una canzone.

Guardate tutta la sequenza, chi mi segue da 20 anni sa quanto sono rispettoso, specialmente delle donne. Le clip circolate sui social non hanno rispecchiato la realtà. Ho spiegato la situazione ad Ada e lei mi ha detto che aveva capito lo scherzo. A lei vanno le mie congratulazioni”. Versione confermata dalla stessa Hegerberg in un’intervista rilasciata alla BBC: “Solveig è venuto da me, era davvero triste per quello che è successo. Sinceramente io non ci ho pensato troppo, perché ero felice per la conquista del Pallone d’Oro”. Il caso è stato dunque chiuso sul nascere.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche