> > UK, scontro in campo: morto Luca promessa del calcio inglese

UK, scontro in campo: morto Luca promessa del calcio inglese

Inghilterra, collisione in campo: morto ragazzo italiano di tredici anni

Inghilterra, scontro in campo durante una partita dell'under 13 dei Bedgrove Dynamos. Morto Luca Campanaro, tredicenne di origini italiane.

Luca Campanaro era una promessa per il calcio inglese.

Aveva tredici anni e giocava per gli under 13 dei Bedgrove Dynamos, di cui era anche capitano. Durante una partita disputata domenica 9 dicembre a Aylesbury, nel Buckinghamshire, in Inghilterra sud-orientale, una collisione in campo con un avversario ha segnato la vita di Luca Campanaro. Il ragazzo, di origini italiane, è caduto a terra privo di sensi. I soccorsi sono stati allertati nell’immediato e Luca Campanaro è stato trasportato d’urgenza in ospedale.

Dopo una giornata in cui i medici hanno cercato di salvarlo, il ragazzo è morto a causa dei danni cerebrali riportati durante lo scontro.

Addio Luca, morto per uno scontro in campo

I Bedgrove Dynamos hanno diramato tramite social un comunicato per diffondere la notizia della tragica scomparsa di Luca Campanaro. “Siamo profondamente addolorati: uno dei nostri giovani campioni non ce l’ha fatta. Siamo ancora sotto choc. Questa notizia ci ha devastato e chiediamo che venga rispettata la privacy della famiglia e degli altri membri della squadra in questo momento drammatico” si legge nel comunicato.

Nella nota diffusa dal club in cui giocava il tredicenne si parla in modo generico di una “collisione in campo” che avrebbe portato Luca Campanaro a stare male. Si presume che a seguito di tale collisione il ragazzo abbia riportato gravi danni a livello cerebrale. I medici non sarebbero riusciti a contenere le conseguenze dello scontro avvenuto in campo, tanto che Luca, dopo aver trascorso un giorno in ospedale, si sarebbe spento irreversibilmente.

La famiglia del ragazzo ha deciso di donare gli organi di Luca Campanaro, “affinché altri possano vivere dopo questo tragico evento“.