Alessandro Del Piero su Dybala: "Va recuperato" | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Del Piero: “Dybala deve essere recuperato”
Sport

Del Piero: “Dybala deve essere recuperato”

del piero dybala

"Credo che valutare Dybala sulla base di questa stagione sia un errore", l'ex capitano commenta così l'annata della Juventus e del suo numero 10.

Alessandro Del Piero, il Pinturicchio, come lo aveva soprannominato Gianni Agnelli, è stato per vent’anni il numero 10 e capitano della Juventus. Nel club bianconero vanta 705 presenze e 290 reti.

L’attuale numero dieci juventino è Paulo Dybala, reduce da una stagione non proprio brillantissima. Il talento de La Joya non si discute, ma forse era lecito aspettarsi qualcosa di più dall’argentino. Che abbia forse sofferto troppo l’arrivo e il carisma di Cristiano Ronaldo? Chissà… Fatto sta che il suo basso rendimento non è passato inosservato.

Si deve recuperare

Stando a quanto riportato dal sito juventusnews24.com, intervistato da La Gazzetta dello Sport, lo storico 10 bianconero dice la sua su Dybala, al centro anche di possibili trattative di mercato. “Credo che valutare Dybala sulla base di questa stagione sia un errore” – dice Del Piero – “Non credo che il problema sia la convivenza con Ronaldo, ma più in generale un discorso di inserimento nelle dinamiche della squadra.

E forse anche di testa e di fiducia, è da recuperare”.

Oltre al rendimento di Dybala, Del Piero parla anche della stagione della “sua” Juve. Il campione del mondo crede che la stagione della squadra bianconera non sia deludente, nonostante non sia riuscita a raggiungere l’obiettivo Champions League. “Io conosco la Juve, conosco i suoi tifosi, i loro sogni – prosegue Del Piero – ma non è accettabile che uscire dalla Champions ai quarti cambi radicalmente il giudizio. La stagione è più che buona. L’uscita dalla Champions ai quarti ovviamente è una delusione. Il rammarico più grande è non aver mostrato contro l’Ajax il potenziale visto nel ritorno con l’Atletico”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche