> > Scandalo calcioscommesse in Spagna: arrestato l'ex Real Raul Bravo

Scandalo calcioscommesse in Spagna: arrestato l'ex Real Raul Bravo

spagna scandalo calcioscommesse

L'ex difensore del Real Madrid e della Nazionale Spagnola, Raul Bravo, è stato arrestato all'alba dalla polizia iberica per corruzione e altri reati.

Una oscura e minacciosa ombra copre il calcio spagnolo.

Dopo il blitz all’alba della polizia iberica di martedì 28 Maggio 2019, diversi giocatori della Liga (il massimo campionato di calcio spagnolo) e della Segunda divisione, oltre al presidente dell’Huesca sono stati arrestati. Le accuse sono molti pesanti: tutti sono finiti in manetta per aver truccato delle partite durante i campionati 2016-2017 e 2017-2018.

Stando a quanto riportato dal sito repubblica.it, uno dei capi e delle menti dell’organizzazione criminale sarebbe l’ex difensore del Real Madrid Raul Bravo, accusato di associazione a delinquere, corruzione tra privati e riciclaggio di capitali.

Raul Bravo, classe 1981, ha militato nelle Merengues dal 2001 al 2007 (salvo una breve parentesi al Leeds). Con il Real ha vinto 2 Liga, 1 Supercoppa di Spagna, 1 Champions League, 1 Supercoppa Uefa e 1 Coppa Intercontinentale.

Arrestato presidente Huesca

Altri calciatori, oltre all’ex difensore spagnolo, sarebbero coinvolti nell’inchiesta e per questo arrestati dalla polizia spagnola. Si tratta di Borja Fernandez, 38 anni, centrocampista del Valladolid, che ha lasciato il calcio proprio al termine di questa stagione, Samu Saiz del Getafe, 28 anni, e Carlos Aranda, 38enne ritiratosi dall’attività agonistica nel 2017.

Questi ultimi due provenivano entrambi dalla cantera, ovvero le giovanili, del Real Madrid.

Infine, le indagini hanno portato all’arresto anche di Agustin Lasaosa, il presidente dell’Huesca, e del medico sociale del club Galindo Lanuza. Durante la stagione 2017-2018, l’Huesca aveva ottenuto la sua prima storica promozione nella Liga. Quest’anno è però retrocesso in Segunda Divisione.