Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Razzismo sui social per la capitana della nazionale italiana Sara Gama
Sport

Razzismo sui social per la capitana della nazionale italiana Sara Gama

Numerosi commenti sui social network mostrano come sia ancora difficile da accettare che la capitana della nostra squadra sia una donna di colore.

I Mondiali di calcio femminile sono appena iniziati ma non accennano a cessare invece le polemiche sulla nazionale italiana. I particolare numerosi commenti sui social network mostrano come sia ancora difficile da accettare che la capitana della nostra squadra sia una donna di colore. Molti utenti infatti si scagliano apertamente contro Sara Gama, calciatrice della Juventus femminile nata a Trieste da madre italiana e padre congolese.

sara-gama

I commenti razzisti

Molti commentatori web si domandano, in tono polemico e complottista, come mai l’unica giocatrice di colore sia stata posizionata proprio al centro della tradizionale foto promozionale per l’avvio del mondiale. Un dettaglio che ovviamente e facilmente spiegabile dal ruolo di capitana ricoperto dalla Gama.

Tra i vari messaggi si può infatti leggere: “Solita campagna schifosa pro immigrazione e pro ius soli. Tutte bianche una sola nera e la piazzano al centro. Davanti a tutte! Ma quanto siete patetici!?!?!? Forza azzurre e fanculo alla Federazione!!”.

Non mancano poi i classici riferimenti al sempreverde buonismo: “Mah, composizione della foto discutubile, ormai si fa propaganda da ogni parte pur di fare il lavaggio del cervello. In barba agli analfabeti funzionali del regimo del buonismo che sta devastando l’Italia”.

Offese anche su Twitter

Ovviamente anche su Twitter si sono scatenati i commentatori razzisti, che sulla scia dei loro omologhi di Facebook rispondono alla presenza di Sara Gama con altrettanto livore: “E te pareva che la giocatrice africana della nazionale italiana di calcio femminile non la mettessero in primissimo piano?”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche