×

Mondiali femminili, Mattarella ospita le ragazze della Nazionale

Durante l'incontro Sergio Mattarella sottolinea: "È irrazionale e del tutto inaccettabile che non abbiate gli stessi diritti degli uomini".

italia femminile mattarella 768x320

Dopo la grandissima cavalcata mondiale in Francia, le ragazze della nazionale di calcio femminile sono tornate in patria accolte da tantissimi complimenti e gratificazioni per le emozioni regalate a tutti gli appassionati. In seguito al grandissimo successo riscosso, Sergio Mattarella ha deciso di invitare al Quirinale le protagoniste di questa grande campagna francese per congratularsi per quanto fatto.

Le parole del Capo di Stato sono di grande stima: “È irrazionale e del tutto inaccettabile che non abbiate gli stessi diritti degli uomini. L’attenzione che avete suscitato, come la cessazione di ogni disparità, non sono più revocabili. Siete state un esempio di gioco e correttezza per tutti, le vostre imprese convinceranno tantissime bambine a scegliere il calcio. Non sappiamo ancora chi vincerà, ma voi il Mondiale lo avete già vinto“.

Le parole di Gravina e Malagò

Nel corso dell’evento al Quirinale anche il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha preso parola e ha dichiarato il futuro obbiettivo della Nazionale: “Questa è la squadra olimpica, noi speriamo di poter interpretare il regolamento e giocarci ancora il pass per Tokyo”. Non poteva mancare anche una dichiarazione sui passi da giganti fatti dalle sportive italiane negli ultimi anni: “Già da qualche anno le donne sono le protagoniste dello sport italiano, siamo tutti orgogliosi di queste ragazze, le nostre Goggia, Fontana, Moioli e Confortola sono state fantastiche anche nella promozione della candidatura di Milano-Cortina.

Il Mondiale? Mi sono divertito molto, è stata una grande avventura, e oggi il Presidente Mattarella rende a questa squadra il giusto merito”.

Presente al Quirinale anche il Presidente della Figc, Gabriele Gravina, il quale ha sottolineato le splendide performance delle ragazze di Milena Bertolini: “Ci hanno regalato la gioia di giocare e divertirsi senza sovrastrutture. Una gioia di cui oggi ha bisogno il calcio italiano e forse tutto il Paese.

Questo Mondiale ha abbattuto ogni barriera di genere, il calcio parla la stessa lingua. Ma ora viene il difficile: dare futuro al calcio femminile. La Figc si è mossa con largo anticipo, pensando innanzitutto a creare le condizioni perché il professionismo dia a queste ragazze solo vantaggi, e non gli oneri che oggi sarebbero insostenibili”.

Contents.media
Ultima ora