×

Novak Djokovic sconfigge Roger Federer in un’epica finale di Wimbledon

In quella che è stata la finale più lunga della storia di Wimbledon, Djokovic è riuscito ad imporsi sullo svizzero Roger Federer dopo ben cinque set.

novak-djokovic

È stata una finale al cardiopalma ma alla fine Novak Djokovic è riuscito ad imporsi su Roger Federer per 3 set a 2. Costantemente tallonato dallo svizzero, Djokovic è riuscito tuttavia a vincere tutti i tie break oltre ad annullare ben due match point di Federer.

Si tratta della quinta vittoria al torneo inglese a partire dal 2011 per il serbo, attuale campione in carica, che eguaglia così il precedente record detenuto da Bjorn Borg.

Un match all’ultima battuta

Dopo quattro set in i due avversari si sono sempre trovati in perfetto equilibrio, il numero uno del ranking mondiale Djokovic è riuscito a distanziare finalmente il rivale Federer nel tie break del quinto set. Sull’erba di Londra il serbo ha infatti allungato per 13 – 12 dopo ben 4 ore e 55 minuti di gioco.

Un risultato che fa questa finale la più lunga e forse la più bella della storia di Wimbledon.

Con questa sconfitta il quasi 38enne Federer vede invece svanire la possibilità di vincere il nono titolo in carriera a Wimbledon. Per la terza volta inoltre, Federer viene battuto nella finale di un torneo del Grande Slam proprio da Djokovic, come già precedentemente accaduto nel 2015 a Wimbledon e agli Us Open dello stesso anno.

Le parole di Djokovic

Intervistato dopo la consegna del trofeo, Djokovic riconosce l’importanza di questa partita per la sua carriera e per la storia del tennis mondiale: “È una delle migliori finali che abbia giocato, contro uno dei più grandi di sempre, per cui nutro un grande rispetto. Purtroppo uno dei due doveva perdere, è stato incredibile aver annullato due match-point e poi vincere. Strano anche vincere il tie-break 13-12. Roger è una fonte di ispirazione continua. Quando ero un ragazzo sognavo di diventare un tennista e questo era il torneo che volevo vincere. È speciale dividere questo trofeo con la mia famiglia”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora