De Ligt alla Juve: “Ero indeciso ma poi ho parlato con Ronaldo”
Sport

De Ligt alla Juve: “Ero indeciso ma poi ho parlato con Ronaldo”

De Ligt
De Ligt

De Ligt alla Juve: in conferenza stampa il difensore centrale in forza all'Ajax nella scorsa stagione ha svelato i suoi primi momenti a Torino

De Ligt alla Juve: il difensore centrale ex Ajax è ufficialmente sbarcato a Torino e vestirà bianconero. Si è detto orgoglioso di questo nuovo inizio e dell’affettuoso e intenso entusiasmo ricevuto dai tifosi della Juventus. In conferenza stampa ha raccontato i primi momenti con la sua nuova squadra.

De Ligt alla Juve, l’incontro con Ronaldo

E’ già un fuoriclasse nel suo ruolo da difensore. Ma quanto conta esserlo anche nella testa? “L’Ajax mi ha consentito di crescere giocando in prima squadra. Ho molta esperienza per essere un calciatore di 19 anni, ma voglio imparare ulteriormente dagli altri giocatori, perché rispetto a loro ho appena iniziato e spero di imparare da loro il più possibile”. De Ligt è appena sbarcato a Torino: cosa vuol dire fare il vero prima passo fuori dall’Olanda? Così gli domandano in conferenza stampa. “Devo abituarmi, ma un è un grande onore vedere il benvenuto da pare dei tifosi juventini. Spero di poterlo ricambiare”, è la sua risposta di ringraziamento.

Impossibile dimenticare il momento in cui, al termine della finale di Nations League, Cristiano Ronaldo si è avvicinato al 19enne olandese complimentandosi con lui e invitandolo a indossare la maglia bianconera.

Il consiglio è stato evidentemente tenuto in considerazione dal difensore centrale cresciuto tra le fila dei lancieri. A tal proposito, durante la conferenza stampa, ha raccontato: “In quel momento stavo proprio pensando in quale club approdare dopo l’estate. Volevo aspettare l’esito della Nations League, poi riposarmi ed entrare in un nuovo club. In quel momento ero abbastanza sicuro potesse essere la Juventus. Ma vedere che un calciatore dal calibro di Cristiano Ronaldo si avvicina a me per domandarmi se volessi far parte della Juve è stato un grande complimento”. Tuttavia, ha aggiunto: “Però non è stato questo gesto a farmi prendere la decisione definitiva”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.