×

Mancini sa solo vincere, Italia corsara in Liechtenstein

Altro successo per l'Italia di Mancini che supera agevolmente la trasferta di Liechtenstein.

Italia già ufficialmente agli Europei del 2020, Liechtenstein ormai fuori da ogni discorso qualificazione. Il C.t. Mancini cambia 10/11 dei titolari schierati nella gara dell’Olimpico di sabato 12 ottobre contro la Grecia, l’unico confermato è Marco Verratti mezz’ala di sinistra. Ma la differenza tecnica e tattica tra le squadra pesa: di fatto, Salvatore Sirigu non viene mai impegnato pericolosamente nell’arco dei novanta minuti. L’Italia continua nel suo filotto (sono 8 le vittorie consecutive) con cinque reti a zero contro il Liechtenstein e, in caso di successi negli ultimi due match di qualificazione, potrebbe chiudere il girone a punteggio pieno. Risultato che sarebbe importante dopo le disfatte targate Ventura, darebbe autostima al gruppo in vista di Euro 2020.

Liechtenstein-Italia, la cronaca del match

L’Italia passa in vantaggio dopo appena 8 minuti dal fischio d’inizio con un gran gol di Federico Bernardeschi, che capitalizza con il suo mancino l’assist di Cristiano Biraghi.

Nel corso della prima frazione di gara i ritmi sono decisamente blandi, con la squadra di Mancini che fa la partita cercando di trovare gli spazi per colpire. Il Liechtenstein non supera quasi mai la propria metà campo, provando a curare semplicemente la fase di non possesso mantenendo molto basso il proprio baricentro.

Nel secondo tempo il leitmotiv non cambia: l’Italia prova ad alzare i ritmi e velocizzare la manovra in fase di costruzione, ma il Liechtenstein difende compatto con tutti i suoi effettivi. Per la squadra di Mancini le occasioni più pericolose arrivano da palla inattiva, anche se è da segnalare il mancato rigore assegnato agli azzurri per fallo palese di Kaufmann su Belotti. Ma, al 65′, sono i padroni di casa a sfiorare la rete del pari su una grande azione personale di Salanovic: un prodigioso intervento di Sirigu tiene l’Italia in vantaggio.

Al 70′ arriva il raddoppio del ‘Gallo’ Belotti sugli sviluppi di un corner che, di fatto, chiude definitivamente il match. Passano poco più di cinque minuti e arriva la terza rete degli azzurri con Romagnoli, il cui colpo di testa batte un incolpevole Buchel. La gara finisce in goleada: El Shaarawy realizza il 4-0, capitalizzando l’imbucata di Bryan Cristante. Ma non finisce qui, perché Belotti realizza la doppietta personale nei minuti di recupero: è 5-0 dell’Italia a Liechtenstein.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche