×

Addio ad Alexander Volkov: il tennista russo è morto a 52 anni

Tra i suoi maggiori successi ci sono una semifinale degli US Open e la Coppa Davis contro la Svezia.

Alexander Volkov morto

Lutto per il mondo del tennis: il russo Alexander Volkov è morto a 52 anni per cause ancora ignote. Il primo titolo vinto sul circuito maggiore risale al 1991 contro il piemontese Cristiano Caratti, sfida consumatasi a Milano.

É morto il tennista Alexander Volkov

Aveva iniziato la sua carriera da tennista, ancora giovanissimo, giocando con la mano destra. Poi però, a seguito della caduta in un burrone, si ruppe la spalla e fu costretto a iniziare a tirare con la sinistra, cominciando tutto da zero. Stava quasi desistendo dall’impresa, abbandonando il tennis per dedicarsi all’hockey sul ghiaccio. Ma la sua tenacia lo fece andare avanti e nel 1988 entrò nel mondo dei professionisti.

Nella sua carriera ha conseguito fino al tredicesimo posto nel ranking ATP ed è riuscito a conquistare la semifinale degli US Open del 1993.

Questo fu il suo miglior risultato, anche se in quell’occasione ebbe la meglio l’avversario Pete Sampras. Lo stesso l’aveva già battuto l’anno prima sempre alla medesima competizione, questa volta però ai quarti di finale.

Alexander viene anche ricordato per aver interrotto la serie di 21 vittorie consecutive di Stefan Edberg, ex numero 1 e campione di Wimbledon. Nello 1994 partecipa alla Coppa Davis contro la Svezia. Dopo aver conquistato i primi due set, il match venne sospeso per l’arrivo dell’allora Presidente Eltsin. Una volta ripresa la partita, i vantaggi andarono tutti all’avversario svedese che si aggiudicò il trofeo.

Nel 1998 Volkov si ritirò per diventare coach, tra gli altri, di Marat Safin. Grazie a lui quest’ultimo vinse due Slam e divenne numero uno.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Leggi anche