×

L’Udinese ferma la Roma rimasta in dieci, a segno Lasagna e Nestorovski

Condividi su Facebook

Una Roma in difficoltà all'Olimpico trova la seconda sconfitta consecutiva per mano dell'Udinese che approfitta dell'espulsione di Perotti al 30esimo.

Nella serata del 2 luglio sia la Roma che l’Udinese cercavano la vittoria per consolidare la propria posizione in classifica. Se i romani infatti puntavano a restare sulla scia dell’Atalanta, fresca di vittoria contro il Napoli, l’obiettivo dei friulani era quello di scongiurare la zona retrocessione distanziandosi quanto più possibile da Genoa e Lecce.

Alla fine sono stati proprio gli uomini di Luca Gotti a prevalere per 2 a 0, approfittando c’è da dire anche dell’inferiorità numerica dei giallorossi, in dieci a partire dalla mezz’ora di gioco.

Roma-Udinese, la cronaca della partita

La partita viene sbloccata proprio dall’Udinese già al 12esimo del primo tempo con un gol di Kevin Lasagna, servito involontariamente dal compagno di squadra De Paul. Successivamente, a causa di un intervento molto duro su Becao, il romanista Perotti viene espulso al 29esimo lasciando i giallorossi in 10 ma sempre con la voglia di rimontare il risultato. Al 38esimo arriva infatti la traversa di Cristante, che colpisce il legno dai 25 metri facendo tremare il portiere Musso.

Con la ripresa i giallorossi provano a spingere tra la difesa avversaria trovando al 48esimo un’occasione con Carlos Perez, ma Musso para in due tempi negando le speranze alla Roma. Al 60esimo l’Udinese sfiora il raddoppio con Okaka che sbaglia clamorosamente una volée, ma non importa perché d’ora in avanti saranno proprio i friulani a dominare il match.

Al 79esimo arriva infatti il gol del 2 a 0 siglato da Nestorovski, che appoggia il pallone in rete intercettando un rasoterra del solito De Paul.

Le formazioni delle due squadre

Per questo match i lupacchiotti si sono affidati al 4-2-3-1 con Mirante in porta e a seguire Peres, Smalling, Fazio e Kolarov in difesa, poi Cristante e Diawara a centrocampo e infine Perez, Perotti e Under ad assistere Kalinic schierato come unica punta.

Gli uomini di Luca Gotti hanno preferito invece puntare a un 3-5-2 con Musso, Becao, De Maio e Nuytinck in difesa, Larsen, De Paul, Jajaro Walace e Zeegelaar a centrocampo e in attacco la coppia Lasagna e Okaka.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.