×

Khabib: il padre è morto a causa del coronavirus

Condividi su Facebook

Lutto per Khabib Nurmagomedov, icona dele arti marziali miste e campione dei pesi leggeri: il padre è deceduto a causa del coronavirus.

Khabib e il padre
Photocredits: Facebook

Abdulmanap Nurmagomedov, padre e allenatore del campione di MMA Khabib Nurmagomedov, è deceduto a causa del coronavirus. L’uomo è deceduto a Mosca, aveva 57 anni. Nurmagomedov è morto a causa di complicazioni cardiache dovute all’azione deleteria del Covid-19 sul suo organismo, che si erano manifestate, inizialmente, con una grave forma di polmonite.

Il terribile morbo, che continua a falcidiare migliaia di vite nel mondo, non ha lasciato scampo al 57enne. Secondo alcune fonti russe, Abdulmanap Nurmagomedov si sarebbe ammalato nel mese di aprile. Era stato trasferito, di conseguenza, in Dagestan e, in seguito, presso la capitale russa. Qui il padre dell’imbattuto campione dei pesi leggeri ha esalato l’ultimo respiro a causa di complicanze sia cardiache che cerebrali.

Khabib ha perso il padre a causa del coronavirus

Il ministro russo dello sport, Oleg Matytsin, ha espresso le sue condoglianze a Khabib Nurmagomedov per la perdita del padre Abdulmanap. Lo ha fatto, tramite un comunicato su Instagram. Abdulmanap, nome di spessore all’interno delle arti marziali miste, è stato un punto di riferimento per il figlio, essendo stato anche il suo allenatore. Aveva 57 anni. Khabib Nurmagomedov, in rispetto per la dipartita del genitore, ha cancellato una conferenza stampa che avrebbe dovuto tenere sabato.

Il campione dei pesi leggeri aveva già reso noto sui social quanto gli effetti della pandemia da Covid-19 fossero stati distruttivi per i suo cari: “Ho visto morire parenti, e tanta gente vicina a me. Questo virus non ti chiede come ti chiami, che lavoro fai, se sei ricco o povero, prende tutti senza distinzioni e solo insieme potremo superarlo”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.