×

Incidente Zanardi, il perito: “Il tir ha invaso la corsia opposta”

L'autista del mezzo pesante sul quale si è schiantato Zanardi avrebbe effettuato un "leggero sconfinamento" di corsia, secondo il perito.

Alex Zanardi incidente, il perito

Il mezzo pesante contro il quale Alex Zanardi si è schiantato lo scorso 19 giugno durante una manifestazione di Handbike nelle stradine collinari della Val d’Orcia avrebbe “sconfinato leggermente” la corsia opposta nella quale viaggiava il campione paralimpico: è questa la risultanza della perizia disposta dalla Procura di Siena, titolare dell’inchiesta che al momento vede l’autista del tir Marco Ciacci come unico indagato.

Incidente Zanardi: la perizia della Procura

La perizia è stata effettuata a cura dell’ingegner Dario Vangi, che ha analizzato le immagini filmate da un operatore che era al seguito della corsa e realizzato un elaborato tecnico, che ricostruisce la “posizione anomala” dell’autotreno e il punto di impatto rilevato tra la ruota sinistra del mezzo pesante e Zanardi, che procedeva in senso opposto.

Incidente Zanardi, la difesa: “Nessuna colpa dell’autista del Tir”

“Alex Zanardi con la sua handbike viaggiava a 50 km orari prima dell’impatto con l’autotreno che marciava a 38 km orari“. Queste le parole del consulente tecnico della difesa, Mattia Strangi, che aggiunge: “Da quanto emerge si andrebbe verso un’assenza di colpe nell’incidente, perché emergerebbe come Zanardi (ex pilota di Formula 1, Formula CART – al Lausitzring nel 2001 il terribile incidente che gli causò l’amputazione di entrambe le gambe) e medagliato paralimpico) abbia perso il controllo in curva della sua handbike e per questo si sia ribaltato per un sovrasterzo per poi impattare sulla ruota anteriore sinistra del camion”. 

Accusa e difesa concordano sullo svolgimento dell’incidente di Zanardi

A quanto si apprende, ci sarebbero concordanze di opinioni fra i due periti incaricati da difesa e Procura sulle modalità dell’incidente, e per questo si attende la decisione dell’accusa se proseguire o meno nel procedimento chiendendo il rinvio a giudizio o archiviare tutto scagionando completamente Ciacci.

La famiglia di Zanardi non ci sta

C’è però da considerare la posizione della famiglia di Zanardi, che ha incaricato un terzo perito – Giorgio Cavallin – di eseguire un’indagine esterna: le risultanze alle quali sarebbe giunto l’esperto sono diverse dalle altre due, e rimetterebbero tutto in gioco.

Secondo questa nuova perizia, Zanardi avrebbe perso il controllo della sua handbike in seguito allo sconfinamento del Tir nella corsia opposta, sbandando, rovesciandosi e finendo infine per schiantarsi sulla ruota del mezzo. Attualmente Zanardi è ricoverato in terapia semi-intensiva nell’Unità Operativa Neurochirurgica all’Ospedale San Raffaele di Milano ed effettua percorsi di fisioterapia quotidiani di quattro ore ogni mattina. Sulle sue condizioni c’è comunque il più stretto riserbo.

Contents.media
Ultima ora