×

Inter-Milan, Ibrahimovic nel post-partita: “Non potevo saltare il derby”

Condividi su Facebook

Il Milan si aggiudica il derby di Milano contro l'Inter grazie ad una doppietta di Zlatan Ibrahimovic, protagonista anche nel post-partita.

ibrahimovic post derby

Intervistato nel post-partita, Zlatan Ibrahimovic ha parlato della sua magnifica prestazione nel derby di Milano, dopo settimane in cui è rimasto fermo a causa del covid. Tra ambizioni e retroscena di mercato, il fenomeno svedese come al solito non si è rivelato banale nelle sue dichiarazioni.

Derby di Milano, parla Ibrahimovic

Con una doppietta Zlatan Ibrahimovic ha portato la vittoria nel derby del Milan contro l’Inter di Conte, e come al solito nel post partita le sue dichiarazioni a caldo hanno suscitato tanto interesse.

Intervistato da Skysport, il fenomeno svedese ha parlato della sua prestazione nel match: “Per me in questo derby c’era tanto in palio. Una partita importantissima, un derby che il Milan non vinceva da 4 anni.

Ero chiuso in casa da due settimane, avevo tanta fame e l’ho dimostrato con due gol. Mi dispiace aver fallito il rigore ma abbiamo vinto ed è l’importante”.

Una doppietta che assume ancor più sapore, perché arrivata dopo lo stop per covid, nemico che Ibra ha sconfitto senza timore: “Paura per il Covid ibra No, non avevo molti sintomi. Facevo il tampone per vedere i risultati e dicevo “posso saltare tutte le partite, ma il derby no“.

Come al solito, anche sui social Ibra ha festeggiato a suo modo, postando al foto di un leone affamato: La mia esultanza sui social? Io sono come quel leone. Volevo metterlo nell’ultimo derby e me lo sono tenuto da parte. Invecchiando si migliora. Mi sento più completo e con più esperienza”.

Ibrahimovic tra ambizioni e retroscena

Dopo 4 giornate, il Milan si trova primo in classifica a punteggio pieno con 12 punti, ma per Ibrahimovic ancora è presto per parlare di Scudetto:Scudetto? Siamo all’inizio.

Sto guardando la squadra, da quando sono arrivato sta facendo grandi cose, soprattutto da dopo il lockdown. Si vede che la mentalità è differente. Sento la responsabilità sui giovani, tanto. Sono un leader ed è una situazione che mi piace. Poi sono tutti disponibili”.

L’exploit dei rossoneri in campionato coincide con l’arrivo del gigante svedese lo scorso gennaio 2020, e proprio sul suo ritorno in Italia Ibra svela un piccolo retroscena: “Dopo l’infortunio volevo sentirmi vivo.

Sono andato in America per partire da zero. Un giorno Mino (Raiola) mi ha detto che non potevo smettere in America. Gli ho detto di dire al Milan che stavo arrivando”.

 

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.