×

Zanardi: pm chiedono integrazione sulla posizione del Tir

La richiesta dei pm al perito per l'ipotesi che il camionista stesse superando un altro ciclista.

Alex Zanardi
Alex Zanardi

I pm hanno chiesto al perito un’integrazione sulla posizione del Tir per quanto riguarda l’incidente di Alex Zanardi, avvenuto il 19 agosto sulle colline senesi. Sono state fatte diverse ipotesi su come sia stata la dinamica dello scontro e i legali della famiglia sono convinti della responsabilità del camionista.

Incidente Zanardi: richiesta pm

La procura di Siena ha deciso di chiedere al suo perito, Dario Vangi, ingegnere e docente all’Università di Firenze, un’integrazione della consulenza che è già stata consegnata ai magistrati, per chiarire ulteriormente le dinamiche dell’incidente del 19 agosto di Alex Zanardi. A questa decisione sono arrivati sulla base delle osservazioni delle due parti e soprattutto perché i legali di Zanardi hanno sempre sostenuto una responsabilità del camionista.

Le indagini della procura si allungheranno notevolmente, ma questo è un atto molto importante perché potrebbe aggravare la posizione dell’indagato Marco Ciacci, autista del Tir Iveco Magirus contro il quale si è scontrata, dopo essersi ribaltata, l’handbike del campione paraolimpico. Lo scontro è avvenuto il 19 luglio sulla provinciale 146 tra San Quirico d’orcio e Pienza.

Inizialmente si era parlato di una perdita di controllo dell’handbike da parte di Alex Zanardi, ma alcune foto dell’incidente hanno confermato, come sostenuto dalla famiglia, che il tir aveva leggermente invaso la corsia opposta.

Sulla base delle immagini estratte da un video girato da un operatore che ha seguito la staffetta, si nota questo movimento anomalo del tir, come accertato dall’ingegner Dario Vangi. Il mezzo pesante, mentre stava salendo lungo la provinciale, si è scontrato con l’handbike di Alex Zanardi, invadendo leggermente la corsia opposta prima dell’impatto. Questa dinamica è stata accertata dalla consulenza tecnica della procura di Siena, ma il professore ha stabilito anche che questo movimento del tir non avrebbe determinato lo stimolo di Zanardi a girare verso destra, con la conseguente perdita di controllo in curva e il ribaltamento. Le nuove indagini potranno svelare ulteriori dettagli.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
4 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Erica
10 Dicembre 2020 15:50

Mi dispiace per Zanardi ma non è giusto dare la colpa ad un povero operaio che stava per conto suo le prove potevano farle chiudendo la strada al traffico visto non buone condizioni gia di Minardi

Lalla
10 Dicembre 2020 19:31
Risponde a  Erica

Hai ragione, concordo in pieno

Paola
10 Dicembre 2020 17:47

Non si possono dare colpe ad una persona che lavora, quando le strade non erano state chiuse per fare questo percorso. Mi dispiace x il grande Zanardi, ma dobbiamo essere anche molto obbiettivi!

Lalla
10 Dicembre 2020 19:32
Risponde a  Paola

Esatto, la disgrazie è già grande, c’è una vittima, non creiamo anche capri espiatori


Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora