×

Sposarsi in prigione

default featured image 3 1200x900 768x576

Pianificare un matrimonio può essere stressante ma pianificare un matrimonio in prigione può diventare addirittura frustrante! Non è impossibile, conoscendo le procedure, le persone che da contattare e le richieste da inviare aiuteranno a creare il finale della vostra favola “diversa”.

La forza dell’amore aiuta a superare qualsiasi difficoltà anche l’organizzazione di un matrimonio in prigione.

Istruzioni

cosa ti serve:
un notaio;
un parroco
la licenza di matrimonio
una dichiarazione che attesti l’impossibilità di presentarsi in chiesa
una richiesta di visita

1. Ingaggia un notaio che rappresenti il detenuto altrimenti non otterrai la licenza di matrimonio.

2. Ingaggia un parroco che celebri la cerimonia in carcere, assicurati che il parroco sia a conoscenza delle circostanze e della necessità di una certa flessibilità.

3. Compila il modulo di richiesta per la visita in carcere a nome del notaio e inviala al carcere perché aggiungano il suo nominativo alla lista dei visitatori del detenuto. Una volta ottenuto il permesso prendi un appuntamento per far incontrare il notaio e il detenuto.

4. Prendi un certificato di “impossibilità a comparire” in tribunale.

5. Fate firmare il suddetto modulo al detenuto e fatelo depositare dal notaio. Questo modulo sostituirà i documenti necessari per la richiesta della licenza di matrimonio.

6. Fate richiesta al tribunale di una licenza di matrimonio e utilizzate il modulo di impossibilità a comparire per confermare la richiesta di matrimonio del detenuto.

7. Fissate l’appuntamento con il parroco che verrà a celebrare il matrimonio in chiesa.

Contents.media
Ultima ora