Spunta un ordigno bellico sulla spiaggia di Caorle, è una bomba a mano - Notizie.it
Spunta un ordigno bellico sulla spiaggia di Caorle, è una bomba a mano
Cronaca

Spunta un ordigno bellico sulla spiaggia di Caorle, è una bomba a mano

Ritrovamento potenzialmente molto pericoloso quello fatto su una spiaggia di Caorle, a poca distanza dal foce del Livenza. Qui infatti, proprio nei giorni di maggior frequentazione della spiaggia, piuttosto affollata, un turista ha notato un residuato bellico risalente alla prima o alla seconda Guerra Mondiale e ha immediatamente allertato le forze dell’ordine. Si tratta di una bomba a mano, ancora pericolosa e che dunque sarebbe potuta addirittura esplodere.

I carabinieri sono giunti sul posto per transennare l’area della spiaggia interessata dal ritrovamento e metterla in sicurezza: sono poi giunti gli artificieri della Questura di Venezia che hanno prelevato l’ordigno, che verrà fatto brillare altrove. Sulle spiagge del litorale veneziano non è questa la prima volta che ordigni bellici tornano alla luce: già qualche tempo fa sia a Caorle che a Jesolo erano state trovate altre bombe a mano risalenti alla prima guerra mondiale. Reperti che riaffiorano specialmente dopo le burrasche, in seguito al fenomeno di ripascimento della sabbia, che fa tornare le bombe alla luce.

Fortunatamente nonostante la spiaggia molto affollata, nessuno è rimasto ferito.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

Daniele Orlandi
Daniele Orlandi 5899 Articoli
Ama osservare, carpire ogni sfumatura, cogliere l'attimo e raccontare il tutto sulla carta stampata e sul web. Nato a Milano, dopo la laurea in Comunicazione Digitale ha intrapreso l'attività giornalistica sul campo pubblicando interviste, inchieste e approfondimenti su testate cartacee ed online. L'altra passione insieme alla scrittura? la musica. Dal 2011 collabora con Notizie.it di cui, dal 2018, è direttore responsabile.