×

Statua del Cristo risorto caduta a Ispica: incidente durante la processione notturna

Statua del Cristo risorto caduta a Ispica: l’incidente si è verificato nel comune in provincia di Ragusa durante la processione notturna.

statua cristo risorto Ispica

Statua del Cristo risorto caduta a Ispica: l’incidente si è verificato nel comune in provincia di Ragusa durante la processione notturna.

Statua del Cristo risorto caduta a Ispica: paura e sgomento tra i cittadini

Nella tarda serata di domenica 17 aprile, intorno alle 22:30, la statua del Cristo risorto si è staccata dal basamento ed è piombata a terra.

La vicenda, che si è consumata durante la processione notturna in occasione della quale il simulacro viene riportato in basilica, si è consumata a Ispica, comune in provincia di Ragusa.

La statua è caduta a terra mentre era inclinata lateralmente in segno di “saluto”, come è d’uso nelle processioni di alcune località. Nonostante la paura e lo sgomento dei presenti, l’incidente avvenuto in prossimità della basilica della Santissima Annunziata di Ispica non ha causato feriti.

In merito all’accaduto, si è espresso il presidente dell’arciconfraternita della Santissima Annunziata, Tommaso Gregni, che ha dichiarato: “Poteva purtroppo capitare, c’è rammarico per quanto accaduto. Abbiamo già parlato con un restauratore e si provvederà subito alla riparazione”.

Incidente durante la processione notturna a Ispica: il significato del rito

In seguito alla caduta della statua del Cristo risorto, i portatori dell’associazione “Don Bosco” hanno recuperato l’effige e l’hanno riportata alla basilica della Santissima Annunziata.

La popolazione di Ispica aspettava la processione da due anni: l’evento, infatti, è stato sospeso a causa delle restrizioni imposte a livello nazionale dalla pandemia da coronavirus. Per gli abitanti della cittadina che attendevano il rito con devozione, la processione notturna rappresenta un evento sacro e simboleggia la gioia di portare in spalla il Cristo risorto.

La statua, infatti, viene portata tra le vie di Ispica al grido di “Viva lu patri” ossia “Viva il Padre”.

Contents.media
Ultima ora