×

La stella di Hollywood Kirk Douglas compie 100 anni!

default featured image 3 1200x900 768x576

Nato nella povertà da due immigrati, ha saputo diventare uno dei più grandi attori del XX secolo: il 9 dicembre 2016, Kirk Douglas festeggia cento primavere

I personaggi a cui ha dato vita sono molti di più dei “cinque volti dell’assassino” di un celebre film di John Houston che ha interpretato nel 1963: il grande attore Kirk Douglas compie 100 anni il 9 dicembre 2016, festeggiando una carriera ineguagliabile, che lo ha visto recitare in più di 80 film, tra cinema e tv, a partire dal 1946.

Incredibile a dirsi, ma nonostante diverse nomination, l’unico Oscar che ha vinto è stato quello alla carriera nel 1996… Il suo “primo” secolo di vita iniziò nel 1916, quando nacque da genitori bielorussi ebrei, trasferitisi ad Amsterdam, nello stato di New York: il suo vero nome è Issur Danielovitch Demsky.

Nato in una famiglia povera, trovò la sua strada laureandosi in Lettere e diplomandosi all’Accademia d’Arte Drammatica della Grande Mela; sentendo l’impulso a servire il suo Paese, si arruolò in Marina, combattendo nella II Guerra Mondiale e, una volta tornato, cominciò a calcare i palcoscenici di Broadway: fu qui che decise di assumere un nome d’arte, su suggerimento del produttore Guthrie Mc Clintic e scelse Kirk come un personaggio di fumetti che amava leggere e Douglas in omaggio alla sua insegnante di dizione.

Il primo ruolo importante sul grande schermo arrivò nel ’46, con il film Lo strano amore di Marta Ivers, grazie anche ad un flirt con Lauren Bacall che gli aveva aperto le porte di Hollywood. La prima nomination agli Oscar arrivò già 4 anni dopo, per la sua magistrale interpretazione del pugile Midge Kelly ne Il grande campione. Intanto, il suo primo matrimonio, contratto nel ’43 con Diana Dill, naufragò sotto il peso di una serie di tradimenti dell’attore che la moglie non gli perdonò.

Fu da questa unione, però, che nacque il figlio destinato a raccogliere la sua eredità cinematografica, ovvero Michael Douglas, venuto alla luce nel 1944. L’altro figlio di primo letto è il produttore Joel, nato nel 1947.

Le seconde nozze avvennero nel ’54 con Anne Buydens, dalla quale ha avuto gli altri due maschi Peter Vincent nel ’55 e Eric nel ’58, morto prematuramente nel 2004 per abuso di droga. Il suo unico nipote, per ora, è Cameron, anch’egli attore, nato dal primo matrimonio di Michael e attualmente in carcere per aver commesso diversi reati connessi agli stupefacenti: terminerà di scontare la pena nel 2018 ed è apparso con i nonni Kirk e Diana ed il padre nel film del 2003 Vizi di famiglia, che segna anche il penultimo ruolo cinematografico interpretato da Douglas senior.

Sebbene la sua fama sia legata soprattutto a grandi film western, Kirk Douglas si è cimentato in tantissimi personaggi diversi, dal marinaio di 20.000 leghe sotto i mari, al giornalista disincantato de L’Asso nella manica; dal medico alcolizzato di Sfida all’Ok Corral, al ricco senza pietà di Il bruto e la bella; dagli eroi dell’allora giovane e semisconosciuto Stanley Kubrik, con il quale ha girato Spartacus e Orizzonti di Gloria, alla sua inarrivabile interpretazione di Vincent Van Gogh in Brama di vivere, nonostante la quale, – secondo alcuni, inspiegabilmente -, non è riuscito a conquistare l’Oscar.

Ha pubblicato un’autobiografia intitolata Il figlio del venditore di stracci e, due anni fa a 98 anni suonati, una raccolta di poesie, riflessioni e aneddoti legati alla sua famiglia ed alla sua lunga vita che l’ha portato a spegnere ben 100 candeline, lasciandosi dietro alle spalle tantissimi suoi coetanei ed una sfilza di amori con tutte le più belle attrici di Hollywood, tra cui Marlene Dietrich, Joan Crawford, Rita Hayworth e l’italiana Anna Maria Pierangeli, conosciuta sul set di Storia di tre amori, per la quale perse letteralmente la testa, tanto da seguirla fin nel nostro Paese.

Una vita vissuta pienamente e dalla quale abbiamo tanto da imparare: Happy Birthday, Mister Douglas!

Contents.media
Ultima ora