Stonehenge esisteva prima degli umani, ma senza alieni
Stonehenge esisteva prima degli umani, ma senza alieni
Viaggi

Stonehenge esisteva prima degli umani, ma senza alieni

Stonehenge
Stonehenge

Secondo recenti interpretazioni, il misterioso sito di Stonehenge esisteva già prima della comparsa degli esseri umani, ma gli alieni non c'entrano

Da sempre un mistero, l’antico sito di Stonehenge non si sa come sia stato costruito né cosa rappresentasse. Ma la domanda più grande riguarda i grandi massi di cui e composto. Da dove sono stati ricavati. Come sono stati trasportati fino a lì? Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista “British Archeology”, sembra rendere ancora più fitto l’arcano. Alcune rocce presenti sul posto, secondo alcuni, non sarebbero state posizionate dagli esseri umani. Attenzione però: non sarebbero stato posizionate neanche dagli alieni, come sostengono invece alcune teorie.

tramonto a Stonehenge

L’archeologo Mike Pitts ha provato per la prima volta a dare una risposta a uno dei quesiti più importanti. Come mai i massi sono stati trasportati a Salisbury invece di essere posizionati dove sono stati trovati o ricavati in origine? Secondo le osservazioni dello studioso, la spiegazione è più semplice di quel che si può pensare. Le rocce, a quanto pare, si trovavano già lì molto prima dell’arrivo dell’uomo.

stonehenge

Fino agli anni 70 si credeva che le rocce sarsen con le quali sarebbe stato costruito Stonehenge non si formassero naturalmente nella piana di Salisbury.

Ovvero nel posto dove si trova il monumento megalitico. Secondo quanto sostenuto dai ricercatori, chi ha contribuito alla costruzione di Stonehenge aveva ricavato la pietra dalle rocce di Marlborough Downs, distante 32 chilometri. Però perché percorrere tutta quella distanza con quei massi giganteschi invece di costruire il sito lì dove la roccia era stata estratta?

Il mistero delle pietre di Stonehenge

Stando a Mike Pitts, la risposta si cela in due delle pietre più famose, ovvero Heel Stone e Stone 16. A differenza del resto del monumento, queste due rocce non sono state trasformate né intagliate in nessun modo. Vicino a Heel Stone, del peso di 60 tonnellate, l’archeologo ha trovato la corrispondenza di un buco occulto, largo circa 6 metri. Cosa significa tale fossa? Il buco è troppo grande per ipotizzare che fosse un “punto di presa” per fissare la roccia. Potrebbe invece rappresentare una fossa scavata da cui è stata portata alla luce la pietra.

stonehenge

“Molti sostengono che le altre rocce sarsen derivino da Marlborough Downs, distante più di 30 km.

Ma con il tempo si è fatta strada un’altra ipotesi. Ossia che alcune rocce potessero essere locali e fossero venute fuori da un buco nel terreno. Se vuoi costruire qualcosa di così grande, devi essere mosso da qualcosa per andare proprio in quel luogo. Ha senso pensare che la Heel Stone sia stata più o meno dov’è ora da sempre”. Secondo lo studioso, quindi, le due immense rocce sono lì da milioni di anni. Forse i locali le avevano scoperte e avevano iniziato ad adorarle. Le altre rocce sono state poi aggiunte per mano dell’uomo, in un momento successivo.

stonehenge

Ma un altro buco si trova vicino all’altra roccia su menzionata, ovvero Stone 16. Anche in questo caso è plausibile che il masso sia emerso dal terreno. Del resto di recente alcuni studi hanno affermato che le rocce sarsen possono essere rinvenute anche nella piana di Salisbury. Anche se in minor numero rispetto a quelle di Marlborough Downs.

Tali ipotesi che non fanno altro che avvalorare la teoria di Pitts sul motivo per il quale sia stata scelta proprio quella posizione per erigere il sito di Stonehenge.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Wonderbox Italia S.R 3 Giorni Da Favola In Europa
299.9 €
Compra ora
Beafon C50 Classic Line Dual-SIM Bianco - White
32 €
Compra ora
Harry Potter: Scacchiera dei Maghi
52.43 €
Compra ora
Vileda Robot Aspirapolvere VR 301
169.9 €
Compra ora