Stop al Villaserra Breakout: troppi debiti
Cronaca

Stop al Villaserra Breakout: troppi debiti

Si spengono le luci in anticipo al Villaserra Breakout, quello che doveva essere il grande festival musicale dell’estate sulle colline di

Genova. Troppi debiti e gli organizzatori si sono trovati impossibilitati a proseguire con l’edizione.

Saltano i concerti di Juliette Lewis che avrebbe dovuto esibirsi stasera (25 giugno), quello degli Airbourne, Sadist e dei Labyrinth (1 luglio) e le performance de Il Teatro Degli Orrori (3 luglio), Oi Va Voi (9 luglio), Afterhours (10 luglio), Elio e le Storie Tese (15 luglio) e Roy Paci e Aretuska (16 luglio), dei Gogol Bordello (17 luglio), di The Wailers (23 luglio) e di Goran Bregovic (24 luglio).

L’edizione fino ad ora aveva riscosso un discreto successo, con Simone Cristicchi, Nina Zilli, Linea 77, Motel Connection, Buena Vista Social Club e Baustelle. Ultimo ad esibirsi è stato J-Ax.

Non solo i debiti, ma anche il maltempo delle ultime settimane hanno creato problemi agli organizzatori. Il concerto degli Ska-P con pioggia battente ha fatto registrare solo 3000 spettatori contro i 9000 previsti, che si sono letteralmente trovati nel fango.

Gli organizzatori avevano un budget di 800 mila euro con forze proprie, sponsor e proventi, ma nessun aiuto da parte degli enti, quindi per non venire meno agli impegni presi con gli artisti non ha potuto fare altro che alzare bandiera bianca.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche