×

Suicida a 21 anni dopo aver preso il Covid, la famiglia: “Era la nostra luce”

Suicida dopo aver preso il Covid, la famiglia: “Era la nostra luce, un genitore non si aspetterebbe mai che un figlio arrivi a fare una cosa simile”

Sinead Bowles durante una sessione di studi penali

Suicida a 21 anni dopo aver preso il covid, la famiglia di Sinead Bowles non si dà pace: “Era la nostra luce”. Purtroppo la 21enne inglese si è impiccata dopo aver scoperto che aveva contratto il virus e i genitori hanno voluto omaggiare quella che hanno definito la loro “luce splendente”.

Sinead è stata trovata impiccata nella sua abitazione di Hanley dopo che amico aveva lanciato l’allarme.

Studentessa di diritto penale suicida dopo aver preso il Covid: la polizia apre un’inchiesta

La polizia ha aperto un’inchiesta sul caso e sta indagando anche sui messaggi che Sinead aveva inviato ad un amica 24 ore prima di uccidersi. In uno di quei messaggi aveva scritto: “Vorrei sinceramente poter andare a dormire e non svegliarmi”.

La 21enne, che avrebbe anche lasciato un messaggio di addio alla famiglia, studiava legge, ramo Giustizia penale e gestione del reato.

Sinead si suicida a 21 anni dopo aver preso il Covid ma sembrava serena

I genitori, Andy e Anita Bowles, hanno affermato che non c’erano avvisaglie di quello che Sinead avrebbe fatto e che non avevano ravvisato simtomi di depressione, hanno solo spiegato che la loro figlia studiava molto.

Ha spiegato il padre: “Penso che i suoi sentimenti si siano manifestati rapidamente”.

Dopo aver preso il Covid si suicida, il padre: “Non ti aspetti che un figlio arrivi a questo”

Poi la chiosa di un uomo schiantato dal dolore che prova a dare una spiegazione all’orrore che gli è rovinato addosso: “Sentiva di avere il Covid è si è rinchiusa. Come molti genitori che si trovano in questa posizione, il denominatore comune è che non ti aspetti mai che tuo figlio agisca in quel modo”.

Contents.media
Ultima ora