"Sulle strade del silenzio", Giorgio Boatti - Notizie.it
“Sulle strade del silenzio”, Giorgio Boatti
Libri

“Sulle strade del silenzio”, Giorgio Boatti

Centinaia di chilometri. Mesi di cammino. Incontri memorabili. Questo è il resoconto del viaggio di Giorgio Boatti; un viaggio che ora possiamo rivevere grazie al libro “Sulle strade del silenzio”, (Laterza, 2012).

Le tappe

Potrebbe essere considerato una sorta di viaggio spirituale: l’autore ha percorso chilometri e chilometri, facendo tappa in monasteri famosi e in dimenticate comunità spirituali. Da Montecassino a Bose, da Serra San Bruno nel cuore della Calabria a Subiaco, da Camaldoli a Viboldone, da Finalpia a Monte Oliveta Maggiore, da Noci a Porto Maurizio sino all’isola di Barbana, dai contrafforti di Chiusi della Verna sino al Goleto, sui crinali dell’lrpinia orientale, Giorgio Boatti ci regala un diario di viaggio suggestivo e ricco di approfondimenti. I luoghi sono descritti con dovizia di particolari e il loro fascino rimane inalterato.

“Bussate e vi sarà aperto”

La bellezza dei luoghi non uccide l’eccellenza degli incontri. Da monastero a monastero, Boatti stringe la mano a persone completamente fuori dal comune, sempre accolto in veste di “ospite”. E ciò che traspare con una certa limpidità dalle pagine del libro è la sorpresa dell’autore nel vedere uomini e donne trascorrere in tutta serenità una vita all’insegna della povertà e della preghiera.

Molto interessanti gli spunti di riflessione che sorgono da questo particolare: davvero si può scegliere di vivere in un’essenziale povertà? Basta questo per ridare senso alle nostre giornate? Per quale motivo la disciplina del silenzio riesce a creare legami più autentici? Un resoconto di viaggio insieme intrigante e riflessivo, che sicuramente appassionerà tanti lettori.

Filippo Munaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche