×

Svizzera, approvata distribuzione di biancheria intima femminile alle donne dell’esercito

La Svizzera avvierà la distribuzione di biancheria intima femminile destinata a tutte le donne che hanno scelto di far parte dell’esercito nazionale.

Svizzera

La Svizzera ha approvato una nuova iniziativa che prevede la distribuzione di biancheria intima femminile a tutte le donne che hanno scelto di intraprendere la carriera militare, arruolandosi nell’esercito nazionale.

Svizzera, le donne dell’esercito riceveranno biancheria intima femminile

Le donne che fanno parte dell’esercito svizzero potranno, a breve, iniziare a indossare biancheria intima femminile: è quanto stabilito da un recente provvedimento adottato dal Paese.

Sinora, infatti, le donne svizzere che si sono cimentate con la carriera militare hanno ricevuto in dotazioni uniformi corredate esclusivamente da biancheria intima da uomo ovvero la cosiddetta “biancheria intima lunga” destinata al periodo invernale e la “biancheria intima corta” per il periodo estivo.

Per questo motivo, alle donne dell’esercito verranno presto recapitati capi d’abbigliamento intimo specifici per il modo femminile e riadattati, al pari di quelli maschile, per affrontare al meglio sia la stagione invernale che quella estiva.

Le testimonianze di Kaj-Gunnar Sievert e Marianne Binder

In merito all’abbigliamento attualmente usato dall’armata svizzera, si è espresso il portavoce dell’esercito Kaj-Gunnar Sievert che, nel corso di un’intervista, lo ha definito ormai obsoleto.

La misura varata dalla Svizzera, inoltre, è stata commentata anche da Marianne Binder, membro del Consiglio nazionale svizzero, che ha dichiarato: “L’abbigliamento dell’esercito è pensato per gli uomini ma, se l’esercito vuole davvero diventare più femminile, sono necessarie misure adeguate”.

Pertanto, secondo Marianne Binder, scegliere di inserire capi d’abbigliamento femminile da destinare alle donne dell’esercito, rappresenta una condizione imprescindibile per la Nazione qualora sia davvero intenzionata a incoraggiare un aumento del gentil sesso nei compartimenti militari svizzeri.

In considerazione di simili testimonianze, quindi, l’esigenza di cambiamento insita in ambito militare appare estremamente evidente e coinvolge anche le uniformi che dovranno essere reinterpretate secondo nuovi canoni di modernità e praticità, soprattutto in relazione alle donne che, al momento, rappresentano circa l’1% degli effettivi membri dell’esercito svizzero. A questo proposito, la Nazione si è prefissata come obiettivo quello di accrescere un simile dato fino a raggiungere una presenza militare femminile pari al 10%, entro i prossimi 20 anni.

Nata a Napoli il 16 marzo 1992, consegue una laurea triennale in Lettere Moderne, una magistrale in Scienze storiche indirizzo contemporaneo presso l'università "Federico II" di Napoli e il diploma ILAS da Graphic Designer. Ha partecipato a stage di editoria e all’allestimento di fiere del libro con l’associazione "Un'Altra Galassia". Attualmente collabora con Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Ilaria Minucci

Nata a Napoli il 16 marzo 1992, consegue una laurea triennale in Lettere Moderne, una magistrale in Scienze storiche indirizzo contemporaneo presso l'università "Federico II" di Napoli e il diploma ILAS da Graphic Designer. Ha partecipato a stage di editoria e all’allestimento di fiere del libro con l’associazione "Un'Altra Galassia". Attualmente collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora