×

Svizzera, legalizzata la macchina per il suicidio assistito azionata dall’utente che giace all’interno

In Svizzera diventa legale la macchina per il suicidio portatile: si tratta dei Sarco Suicide Pods, sviluppati da Exit International.

Svizzera legalizzata macchina suicidio

Una svolta in materia di suicidio assistito arriva dalla Svizzera, dove è stata legalizzata la macchina per il suicidio portatile.

Svizzera, legalizzata la macchina per il suicidio assistito

Il comitato di revisione medica della Svizzera ha legalizzato la macchina per il suicidio, che può pendere forma servendosi semplicemente di una stampante 3D e destinata a tutti coloro che vogliono porre fine alla propria vita.

I Sarco Suicide Pods sono stati sviluppati da Exit International e accompagnano nel suicidio assistito. La macchia può essere azionata direttamente dall’utente che giace al suo interno.

Svizzera, legalizzata la macchina per il suicidio assistito: come funziona?

Per verificare la volontarietà di intraprendere il percorso verso il suicidio assistito, il soggetto sarà sottoposto a un test.

Dovrà rispondere a domande pre-registrate e premere un pulsante per iniziare il processo, che richiede meno di un minuto.

Sarco può essere azionato dall’utente che si trova all’interno della macchina, diminuendo il livello di ossigeno. Il decesso avviene per ipossia e ipocapnia. In questo modo, si garantisce alla persona una morte relativamente tranquilla e indolore.

Svizzera, legalizzata la macchina per il suicidio assistito: le dichiarazioni

Il fondatore di Exit International, l’azienda che ha progettato i Sarco Suicide Pods, ha dichiarato: “Vogliamo rimuovere qualsiasi tipo di revisione psichiatrica dal processo e consentire all’individuo di controllare il metodo da solo”.

“Il nostro obiettivo è sviluppare un sistema di screening dell’intelligenza artificiale per stabilire la capacità mentale della persona. Naturalmente c’è molto scetticismo, soprattutto da parte degli psichiatri”, ha tenuto a sottolineare il fondatore, Philip Nitschke.

Contents.media
Ultima ora