Tempio del Popolo e Raven: ritorna la nuova serie di Gilligan
Tempio del Popolo e Raven: ritorna la nuova serie di Gilligan
News

Tempio del Popolo e Raven: ritorna la nuova serie di Gilligan

raven

Raven è la nuova serie dei creatori di Breaking Bad che parlerà del predicatore Jim Jones e del suicidio di massa del Tempio del Popolo

Dai creatori di Breking Bad, serie che ha avuto un successo planetare, è in arrivo una nuova creazione. Sarà una mini serie intitolata Raven e sarà ideata sempre da Vince Gilligan. Ispirata all’omonimo romanzo di Tim Reiterman, tratterà della strage del People’s Temple meglio conosciuta come il suicidio di massa di Jonestown. Reiterman è un giornalista che ha vissuto di persona agli eventi ed è scampato alla strage. La serie sarà prodotta da HBO e avrà come regista Michelle MacLaren, che ha diretto anche Breaking Bad. Ambientata tra la metà degli anni ’50 e la fine degli anni ’70, la storia si incentrerà sulla figura del predicatore Jim Jones. Jones, sfruttando il malessere della popolazione afroamericana in quegli anni difficili fondò il People’s Temple Full Gospel Church. Sempre più visionario e inarrestabile durante la guerra fredda riuscì a trasferirsi con tutti i suoi fedeli in un posto ritenuto protetto nelle zone sperdute della California.

Si riteneva il nuovo messia e fingeva di far miracoli tramite l’uso di droghe. Nonostante ciò era seguitissimo e riusci nel 1974 a fondare Jonestown, grazie alle donazioni dei suoi fedeli. Questa città in Guyana fu fondata per permettere ai suoi seguaci di vivere in comunità senza nessun contatto con il mondo esterno. I famigliari iniziarono così a preoccuparsi, avvertirono le autorità e il deputato Leo Ryan decise di recarsi a Jamestown con dei giornalisti per parlare con il predicatore. Jones reagì male alle accuse e uccise Ryan. Poi convinse tutti i suoi seguaci a suicidarsi con lui dicendogli che avrebbero così raggiunto la pace spirituale. Il 18 novembre del 1978 avvenne così la strage di Jamestown.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche