×

Tentata rapina a Cuneo, gioielliere spara ai banditi: due morti e un ferito

Un gioielliere ha ucciso due ladri autori di una tentata rapina nel suo negozio in provincia di Cuneo e ha ferito un terzo.

Tentata rapina Cuneo

Paura a Grinzane Cavour, comune in provincia di Cuneo, dove un gioielliere è stato vittima di una tentata rapina perpetrata da tre malviventi: l’uomo ha sparato a due di essi uccidendoli mentre il terzo è stato ferito.

Tentata rapina a Cuneo

Mario Roggero, il titolare del negozio, aveva già vissuto l’incubo di una rapina nel 2015 quando nel suo negozio era stato legato e picchiato da una banda che poi i Carabinieri avevano arrestato. Nella giornata di mercoledì 28 aprile l’uomo ha rivissuto quei momenti quando tre uomini, con il cappellino calato sugli occhi e la mascherina chirurgica a coprire il volto, sono entrati nella sua gioielleria.

I banditi hanno finto di essere interessati ad una acquisto costoso e hanno chiesto alla moglie e alla figlia di Roggero, in quel momento dietro il bancone, di visionare alcuni gioielli.

Quando le donne hanno aperto le teche, gli uomini, armati di una pistola e un coltello, le hanno minacciate intimando di consegnare loro tutti i preziosi.

Essenosi rifiutate, hanno aggredito e picchiato la moglie le cui urla hanno attirato l’attenzione del marito, in quel momento nel laboratorio sul retro. L’uomo è immediatamente accorso portando con sé una pistola detenuta regolarmente.

Tentata rapina a Cuneo: due morti

Non è chiaro se all’interno del locale di sia stata una colluttazione, ma i banditi sono subito usciti dalla gioielleria per raggiungere la loro auto che avevano parcheggiato di fronte al negozio.

A quel punto Ruggero ha esploso tre colpi di pistola nella loro direzione colpendo e uccidendo due dei rapinatori.

Il primo è stato ucciso vicino alla fioriera dall’altro lato del marciapiede, mentre il suo complice ha fatto in tempo a percorrere ancora una decina di metri prima di accasciarsi in via Garibaldi.

Tentata rapina a Cuneo: un ferito

Il terzo bandito, invece è riuscito a fuggire a piedi nonostante fosse rimasto ferito. Gli investigatori, coordinati dalla Procura di Asti, hanno disposto posti di blocco in tutto il circondario e controlli negli ospedali di zonaper rintracciarlo. Dopo poche ore i Carabinieri lo avrebbero identificato e fermato all’ospedale di Savigliano con una ferita alla gamba. Il gioielliere, in stato di choc, è stato portato in caserma e dovrà spiegare alle forze dell’ordine i dettagli di quanto accaduto all’interno del suo negozio.

Contents.media
Ultima ora