Tentato rapimento: imprenditore italiano ucciso in Venezuela
Tentato rapimento: imprenditore italiano ucciso in Venezuela
Esteri

Tentato rapimento: imprenditore italiano ucciso in Venezuela

imprenditore italiano ucciso in Venezuela
imprenditore italiano ucciso in Venezuela

E' Elio José Simonelli Datellis l'imprenditore italiano ucciso in Venezuela

Continuano i delitti sanguinari perpetrati a danno di dirigenti, manager e imprenditori italiani nei paesi Sudamericani. L’ultimo delitto vede vittima Elio José Simonelli Datellis. La notizia arriva da Caracas. A riferirlo è la stampa venezuelana.

Imprenditore ucciso

Un imprenditore italiano residente in Venezuela, è stato ucciso nella giornata di mercoledì 1 agosto 2018 durante un tentativo di sequestro a Maracay, nello Stato di Aragua.

imprenditore italiano ucciso in Venezuela

Simonelli Datellis era un noto uomo d’affari, proprietario fra l’altro di alcuni magazzini della Nestlé in Aragua. A riferirlo è il quotidiano “El Siglo”. Secondo il portale Efecto Cocuyo, l’imprenditore (che aveva 45 anni) è stato sequestrato da un gruppo di uomini armati mentre viaggiava sulla Avenida Fuerzas Armadas di Maracay. L’uomo pare si trovasse nei pressi di una carrozzeria di sua proprietà. Probabilmente la banda avrebbe richiesto un riscatto, consapevole delle ingenti possibilità dell’italiano.

La banda è già stata intercettata dalla polizia, che ha ingaggiato un conflitto a fuoco in cui sono morti cinque rapitori.

Sfortunatamente però anche l’italiano sequestrato è morto nella sparatoria, raggiunto all’addome da un colpo di pistola. E’ stato infatti trovato morto all’interno del suo suv in una strada di quartiere del comune di Francisco Linares Alcántara, dopo essere stato rapito. A riferirlo è la stampa locale.

La dinamica

Allertate dal fratello, le autorità hanno iniziato ad inseguire la vettura, ma durante la fuga deve essere successo qualcosa tra l’uomo d’affari e i rapitori.

imprenditore italiano ucciso in Venezuela

Probabilmente Simonelli ha tentato di fuggire e i sequestratori gli hanno sparato colpendolo all’addome, per poi scappare a piedi. Una volta raggiunto il suv, gli agenti hanno infatti trovato all’interno l’uomo morto per le ferite subite. La banda è stata però intercettata dalla polizia, che ha ingaggiato un conflitto a fuoco in Araguaney Street, in cui sono morti cinque rapitori.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche