> > Terremoto ad Amatrice: l'ultima terribile scoperta

Terremoto ad Amatrice: l'ultima terribile scoperta

LAPR0375

Terremoto ad Amatrice Una scoperta Incredibile l'Ombra di mafia Capitale. Tutta l'Italia in queste ore è in ansia per le zone colpite dal terremoto e dalla neve. La difficile situazione si è scatenata dal mese di agosto, quando molti centri abitati sono stati spazzati. Da allora le scosse sis...

Terremoto ad Amatrice Una scoperta Incredibile l’Ombra di mafia Capitale.

Tutta l’Italia in queste ore è in ansia per le zone colpite dal terremoto e dalla neve.
La difficile situazione si è scatenata dal mese di agosto, quando molti centri abitati sono stati spazzati.

Da allora le scosse sismiche hanno continuato ad interessare quelle zone e da alcuni giorni si combatte contro il freddo e il gelo.

Oltre ai morti, quella gente non ha più nulla, nemmeno una casa. Molte sono state le promesse della politica, più volte recatasi nella zona.

Agli abitanti di amatrice sono state promesse le SAE, soluzioni abitative d’emergenza.

L’appalto per la costruzione delle case era già stato assegnato al CNS, Consorzio composto da 192 cooperative. Il Cns è legato a Legacoop.

Di queste case non c’è ancora l’ombra e sembra che una cooperativa del consorzio, sia di Salvatore Buzzi.

E’ scandaloso sentire ancora il nome di Buzzi. Coinvolto nell’inchiesta ce ha scoperchiato i legami fra politica e criminalità.

La stessa criminalità sembra essere entrata nella ricostruzione delle zone colpite dal terremoto.

La storia si ripete. Questi criminali lucrano sulla pelle della gente. Ma in Italia si tende a dimenticare. La mafia insieme alla politica fa soldi su tutte le emergenze: Immigrazione, Rifiuti e Terremoti.

Guadagnare sulle spalle dei poveri, degli indifesi è meschino e odioso. Per la ricostruzione di amatrice sono stati stanziati milioni di euro. Il decreto che ha previsto lo stanziamento delle somme, ha voluto assicurare trasparenza e legalità.

Il monitoraggio è continuo, sotto la supervisione dell’Anac, Autorità Nazionale Anticorruzione, con a capo Raffaele Cantone. Forse ciò non basta e il Governo dovrebbe adottare altre misure.

Se la cooperativa di Buzzi è riuscita ad inserirsi nel consorzio, eludendo i controlli, può darsi ci siano ancora falle nel sistema.

Se da un lato c’è chi sfrutta, chi lucra in modo vergognoso, l’altra parte d’Italia, sostiene quelle popolazioni, attraverso aiuti concreti.

Le gare di solidarietà superano le gare d’appalto.