Terremoto M 6.0 in Messico, gente in strada
Terremoto M 6.0, paura e gente in strada
Esteri

Terremoto M 6.0, paura e gente in strada

terremoto sismografo

Una scossa di magnitudo 6.0 è avvenuta poco fa nello stato messicano di Jalisco, rischio crolli e danni. Molte persone in strada

La terra torna a tremare con violenza nel mondo e questa volta è il Messico ad essere colpito. Dopo il terremoto di Taiwan che ha provocato il parziale crollo di un hotel e danni ingenti in molte città, un sisma di magnitudo 6.0 si è verificato poco fa in Messico.

Terremoto M 6.0 in Messico, gente in strada

La scossa, al momento non è chiaro se si sia verificata sulla terraferma o al largo, ha avuto dunque un’intensità tale da provocare potenzialmente danni anche gravi; i primi dati parlano di una scossa avvenuta alle 15.05 ora italiana, le 8.05 ora locale, vicino alla costa di Jalisco, è uno stato del Messico situato nella parte occidentale del paese e affacciato sull’oceano Pacifico; l’epicentro sarebbe localizzato a poca distanza da Cihuatlan, comune di poco più di 30mila abitanti, che avrebbero nettamente avvertito la scossa riversandosi terrorizzati in strada. Si attendono aggiornamenti in merito ad eventuali danni a cose o persone.

epicentro terremoto

Prime informazioni sul terremoto

Ingv ha comunicato anche i dati relativi all‘ipocentro del terremoto avvenuto in Messico: la scossa si è verificata ad una profondità di 72 km, si è trattato dunque di un sisma non superficiale ma che potrebbe aver comunque provocato seri danni, oltre ad essere stato avvertito anche a decine di chilometri di distanza dall’area epicentrale.

La protezione civile dello stato ha rilasciato un breve comunicato su Twitter: “Al momento non sono segnalati danni nel nostro Stato a causa dei due terremoti avvenuti intorno alle 8:00. Continuiamo con il monitoraggio per escludere i danni”. Prima del sisma di magnitudo 6.0 infatti, nella medesima area è stato registrato un primo terremoto di magnitudo 4.5 della scala Richter.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche