×

Terrore a Londra, Isis rivendica e la May conferma: attacco al mondo libero

Paura sul voto del Regno Unito. Khan: "Terroristi odiano la democrazia". Nuove perquisizioni sono state effettuate stamattina.

Terrore a Londra

Terrore a Londra ma questa volta l’attacco non era rivolto solo contro la capitale inglese ma contro il mondo libero, ha detto la premier Theresa May sottolineando le diverse nazionalità delle persone coinvolte. Il primo ministro ha ribadito che il livello di allerta anti-terrorismo resta “grave” e confermato il rafforzamento delle misure di sicurezza sui ponti di Londra con barriere a protezione dei pedoni.

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha chiesto al governo britannico di annullare la prevista visita del presidente americano Donald Trump nel Regno Unito. “Non penso che dovremmo srotolare il tappeto rosso per il presidente degli Usa nelle circostanze in cui le sue politiche vanno contro tutto ciò per cui noi ci battiamo”, ha detto Khan nel corso di un’intervista a Channel 4 News trasmessa ieri sera. La presa di posizione segue le critiche rivolte dal presidente Usa al sindaco londinese, accusato da Trump di sottovalutare il rischio terrorismo.

Uno dei tre killer del commando terrorista compare in un documentario di Channel 4 sull’integralismo islamico nel Regno Unito mentre srotola una bandiera dell’Isis a Regent’s Park. Il 27enne è identificato per ora con le sole iniziali ‘Abs’ o ‘Abz’ e nel filmato andato in onda l’anno scorso viene ripreso con due predicatori islamici noti alle forze dell’ordine mentre discute con gli agenti di polizia che erano intervenuti.

Dal canto suo, il Paese sta cercando di rialzarsi, di lottare contro il terrorismo e di reagire ai due attentati avvenuti a pochi giorni l’uno dall’altro, nelle due più grandi città dell’Inghilterra. Il premier May ha dichiarato che si combattere fino alla fine contro i terroristi e infatti, questa mattina, verso le 5 italiane, la polizia londinese ha fatto irruzione in altre due abitazioni in un quartiere nella zona est della capitale (a Dagenham) in relazione all’attacco terroristico di sabato sera a Londra, scrive il Mail online.

A quanto pare, alcune persone sarebbero state arrestate anche se, almeno per il momento, non sono stati noti nè i nomi nè il numero delle persone prese. Intanto, è stata identificata pubblicamente: è una ragazza canadese. Secondo quanto riferito dalla sua famiglia in una breve dichiarazione inviata alla Ctv, emittente del Canada, e rimbalzata poi sui media britannici la vittima si chiamava Christine Archibald. La famiglia ha espresso tutto il suo dolore e ricorda il lavoro di “Chrissy” in un ospizio per senzatetto prima del trasferimento in Europa per raggiungere il fidanzato.

In soccorso della Gran Bretagna, è intervenuto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che, nella prima reazione in pubblico agli attacchi di Londra, ha sottolineato la sua “determinazione, piu’ forte che mai, a proteggere gli Stati Uniti e i suoi alleati da un nemico codardo che ha dichiarato guerra alla vita innocente, da troppo tempo”.

Contents.media
Ultima ora