×

Terza dose di vaccino, reazioni simili o inferiori alla seconda: lo studio in Israele

Una ricerca condotta in Israele ha rilevato che le reazioni dopo la terza dose di vaccino sono uguali o inferiori a quelle seguite alla seconda.

Terza dose reazioni

Secondo uno studio condotto in Israele, le reazioni alla terza dose di vaccino, (quella definita booster) sono simili rispetto a quelle riscontrate dopo la seconda iniezione: l’88% degli intervistati ha infatti risposto che dopo aver ricevuto il richiamo si sono sentiti meglio o allo stesso modo di quando hanno effettuato la precedente iniezione. 

Terza dose di vaccino: le reazioni

Israele è tra i primi paesi ad avere completato la campagna vaccinale e ha già somministrato la terza dose a mezzo milione di abitanti over 60. Per questo i ricercatori hanno avuto la possibilità di svolgere rilevazioni e ricerche sugli effetti di questa iniezione e di confrontarli con quelli avuti con le precedenti. 

Tra questi vi è uno studio realizzato dall’assicurazione sanitaria Clalit e condotto su un campione di 4.500 persone che hanno ricevuto la terza dose fra il 30 luglio e il primio agosto.

La maggior parte dei cittadini, ai quali è stato somministrato in particolare Pfizer, ha riportato gli stessi effetti collaterali avuti dopo la seconda dose. Quasi il 90% del campione ha infatti avuto reazioni pari o minori rispetto a quest’ultima mentre solo il 10% ha dovuto fronteggiare reazioni peggiori.

Terza dose di vaccino, le reazioni: i sintomi

Nel complesso il 31% degli intervistati ha dichiarato di avere sofferto delle reazioni dopo la terza dose, principalmente dolore nel punto dell’iniezione.

Lo 0,4% ha affermato di aver avuto difficoltà a respirare e l’1% ha seguito qualche cura per uno o più effetti.

Ran Balicer, chief innovation officer di Clalit, si è così espresso commentando i risultati della ricerca: “Anche se questi esiti sono riportati dalle stesse persone che hanno ricevuto il vaccino, è emerso che nella maggior parte dei casi gli effetti collaterali sono simili o inferiori con il richiamo“. Clalit è il maggior fornitore di servizi sanitari israeliano e ha già somministrato 240 mila terze dosi.

Terza dose di vaccino, le reazioni: quando si parte

L’Italia però segue con attenzione il laboratorio israeliano e il fatto che la variante Delta sia riuscita a rompere la barriera vaccinale ha spinto gli esperti italiani a consigliare al governo di ritardare ancora un po’ la somministrazione delle terze dosi. Si dovrebbe partire ad ottobre con i più fragili per poi passare al personale sanitario. Dal 2022 sarebbe poi il turno degli over 80 e così via secondo l’ordine seguito per le prime dosi.. 

Contents.media
Ultima ora