Testamento biologico sul social network
Testamento biologico sul social network
Style

Testamento biologico sul social network

testamento

In Italia non è ancora passata in Parlamento la legge che regoli il testamento biologico. Facebook lancia provocatoriamente un'app per poterlo sottoscrivere.

In Italia si discute da anni di una legge sul testamento biologico, il documento scritto per garantire il rispetto della propria volontà in materia di trattamento medico. Questo includerebbe la somministrazione di farmaci, il sostentamento vitale, la rianimazione etc., anche quando non si è più in grado di comunicarla. Nel frattempo, l’ Associazione Luca Coscioni – associazione no profit di promozione sociale – lancia una provocazione. In casi estremi, cominciamo a far valere la nostra volontà almeno su Facebook.

Testamento in Italia

Finora la Camera dei deputati ha approvato la cosiddetta “legge sul fine vita” o sul “testamento biologico”. E’ una norma che permette – entro alcuni limiti – di esprimere in anticipo quali trattamenti medici ricevere nel caso di gravi malattie. La legge è passata all’esame del Senato, dove però il suo futuro appare piuttosto incerto. La maggioranza che la sostiene non è molto ampia. I tempi della sua approvazione rischiano di allungarsi fino al termine della legislatura. In Italia quindi non esiste una legge che regoli la possibilità per il paziente o un suo fiduciario di esprimersi sul prolungamento delle cure che lo riguardano.

Facebook e volontà

Facebook, di fronte a questa situazione e come social più diffuso e utilizzato, diventa scenario di discussione, e scelta.

Lo fa con un’applicazione, in relazione all’associazione che poi gestisce le richieste. Si chiama “The Last Wish”, l’ultimo desiderio, e nasce ovviamente come una provocazione ironica. Ma con l’obiettivo in realtà di sensibilizzare su temi importanti e attuali. In questo caso, del testamento biologico e dell’ identità digitale post mortem ai tempi di Internet.

The Last Wish

Facebook è il social network più diffuso, si condividono foto, video, si curiosa e ci si incontra. Scaricando l’app “The Last Wish”, questo ci collega al sito dell’Associazione Luca Coscioni. Qui si può quindi depositare il proprio biotestamento, in forma cartacea. Si possono scegliere anche due persone che fanno da esecutori testamentari, che all’occorrenza possono pubblicare un messaggio deciso e concordato con il defunto. Si possono anche scrivere messaggi privati per dare l’ ultimo saluto.

Biotestamento online

Questo testamento, pur non avendo valore legale, potrebbe essere comunque un’indicazione a cui le due persone che vengono scelte dall’utente possono aggrapparsi per rispettare la volontà del defunto.

Questo avviene nel momento in cui non si sia in grado di garantire le capacità cognitive necessarie per decidere della vostra vita. L’Associazione Luca Coscioni, che da anni si batte per il biotestamento, si fa promotrice dell’iniziativa, sperando che la provocazione possa attirare nuovi attenzioni sull’argomento.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche