×

TikTok rimuove i video della Boiler summer cup

Le nuove agghiaccianti frontiere del bullismo social e la risposta di TikTok che con una nota rimuove i video della vergognosa Boiler summer cup

Uno dei vergognosi scatti rimossi da TikTok

Finalmente sono arrivati i provvedimenti ufficiali di TikTok, che rimuove i video della vergognosa Boiler summer cup: i frames delle ragazze sovrappeso adescate in discoteca o alle feste e messe in rete sono stati cancellati dal social. La ridicola e violentissima sfida per ragazzotti a corto di neuroni era diventata in poco tempo virale, come quasi tutte le cose cretine.

Come funziona? Con i ragazzi che si sfidano ad adescare coetanee in sovrappeso in discoteca, poi a passare la serata con loro e infine a documentare tutto sui social network.

TikTok rimuove la Boiler summer cup

Chi raggira più ragazze vince un ingresso gratuito in discoteca. A Fanpage una 21enne aveva svelato quel mondo cattivo e sordido parlando di una sua amica di soli 16 anni: “Si è chiusa in casa senza confidarsi neppure con i familiari”.

E poi ha aggiunto: “Questa sfida è ai limiti del bullismo ed è pericolosa per la salute fisica e mentale delle ragazze. Il rischio di portare le vittime, spesso giovanissime, sulla strada dei disturbi alimentari è altissimo”. Per questa ed altre decine di testimonianza Tik Tok ha deciso di rimuovere il video che abbiano come tema cardine bullismo e body shaming. E la nota del social fa chiarezza: in essa si ribadisce l’impegno “con la massima serietà per promuovere un posto accogliente e sicuro dove le persone possano condividere la propria creatività”.

La nota ufficiale del social

“Le nostre Linee Guida della Community esplicitano in modo chiaro che non tolleriamo contenuti che promuovono bullismo o molestie e abbiamo rimosso i video che violano queste linee guida”. E in chiosa: “Nonostante non abbiamo evidenza che la ‘Boiler Summer Cup’ sia un trend diffuso sulla piattaforma, il nostro team dedicato alla sicurezza continua a monitorare attentamente e rimuoverà qualunque contenuto dovesse risultare in violazione”.

Contents.media
Ultima ora