Tila Tequila, duemila persone volevano ucciderla? - Notizie.it
Tila Tequila, duemila persone volevano ucciderla?
Concerti

Tila Tequila, duemila persone volevano ucciderla?

Durante un’ esibizione al festival Gathering of the Juggalos in Illinois, la popstar (?! …ma canta anche?!) Tila Tequila ha subito una vera e propria aggressione con bottigliate rigorosamente di vetro, sassate e pure escrementi (oramai i pomodori sono out…), subendo lesioni in più parti del corpo. La cantante ha raccontato l’accaduto al noto portale del gossip TMZ:

«Appena sono salita sul palco, alcuni tizi hanno cominciato a lanciarmi dei sassi giganti in faccia, bottiglie di birra che mi hanno colpito in un occhio, e mi hanno quasi bruciato i capelli lanciando fuochi d’artificio sul palco. Alcuni mi hanno addirittura lanciato merda!»

E continua:

«Quella gente stava provando a uccidermi. Poi appena mi è scoppiato un petardo vicino alla testa, la mia guardia del corpo e altri tizi della security mi hanno preso e mi hanno portata via. Visto che lì la security fa schifo, la gente ha provato a rincorrermi, per uccidermi.

Mi hanno quasi raggiunto, poi sono entrata nel pullman, tutta sanguinante, e all’improvviso 2000 persone hanno circondato il pullman e rotto le finestre! Persino i ragazzi dentro con me stavano tremando dalla paura. Tre ragazzi dentro il pullman hanno dovuto usare un tavolo per tappare le finestre rotte e tenere lontana la gente con le sedie. È stato terribilmente spaventoso»

Da quanto testimoniano video e foto l’aggressione, pure violenta e sicuramente da condannare, effettivamente c’è stata, ma la versione riportata dalla vittima sembra leggermente esagerata, 2000 persone (ce n’erano così tante a vedere il concerto?!) che ti rincorrono e assaltano il tuo pullman con lo scopo di ucciderti e neppure ci riescono non troverebbero posto neppure nella peggiore parodia di un film horror /splatter…

leggi anche: http://www.spettacoliblog.it/2010/08/16/tila-tequila-aggredita-sassi-e-bottiglie-in-faccia/

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.