×

Tim, il fondo americano Kkr è pronto ad acquistare il gruppo: le cifre dell’offerta

Il gruppo Tim potrebbe essere venduto al fondo statunitense Kkr, già proprietario di Fibercop. I motivi della trattativa

vendita tim

Il fondo statunitense Kkr è pronto a fare la sua offerta, e ci sono buone chance che Salvatore Rossi, presidenti Tim, accetti.

Tim, possibile passaggio al fondo Kkr

Il fondo americano Kkr ha messo nel mirino Tim. Nelle scorse ore sul tavolo del presidente del gruppo telefonico, Salvatore Rossi, è arrivata una concreta forma d’interesse dal fondo USA.

Talmente concreta che sarebbero interessati a tutto il pacchetto della società telefonica

Un primo ostacolo però è rappresentato da Palazzo Chigi: il governo ha comunque i poteri della tutela della rete per la sicurezza nazionale. Per questo è ipotizzabile che in caso di un’offerta pubblica d’acquisto (Opa) lo Stato metta dei paletti a difesa della rete.

Tim, passaggio a Kkr: i brutti ascolti

L’ipotesi di passaggio al fondo oltreoceano è verosimile anche in virtù dei brutti ascolti registrati in questo trimestre.

L’accordo con Dazn per portare la serie A su Tim Vision non ha portato i numeri attesi, motivo per cui i consiglieri hanno iniziato a marcare stretto il management chiedendo di riesaminare la strategia.

La frammentazione ai vertici e la divisione delle quote non aiuta la situazione, anche se dai canali ufficiali non si riscontra alcun messaggio di crisi. È altrettanto vero che questo interessamento-lampo non è di certo passato inosservato e starà sicuramente facendo discutere gli esecutivi di Tim.

Tim, passaggio a Kkr: il motivo dell’interessamento

Oltre alla storica Magneti Marelli, Kkr ha già rilevato FiberCop, altro colosso italiano delle telecomunicazioni. Ovviamente il fondo è consapevole dei vincoli che potrebbe comportare l’operazione, perché si tratta di una rete nazionale, ma non sembra decisa a mollare la presa. Oggi, domenica 21 novembre, la proposta sarà portata in consiglio Tim. Kkr avrebbe chiesto un riscontro entro quattro settimane.

Contents.media
Ultima ora