×

Tim, l’ad Luigi Gubitosi rassegna le dimissioni: l’offerta d’acquisto del fondo americano KKR

L’amministratore delegato di Tim, Luigi Gubitosi, si è dimesso dopo l’offerta d’acquisto presentata dal fondo americano KKR.

CEO

L’amministratore delegato di Tim, Luigi Gubitosi, ha rassegnato le dimissioni dal suo incarico. La decisione di dimettersi è stata ufficializzata dopo l’offerta d’acquisto presentata dal fondo americano KKR.

Tim, l’ad Luigi Gubitosi rassegna le dimissioni

Nella giornata di venerdì 26 novembre, l’amministratore delegato di Tim Luigi Gubitosi ha rassegnato le sue dimissionial Consiglio di Amministrazione della società.

Le deleghe, quindi, passeranno ad interim al presidente Salvatore Rossie si presume che, a breve, Pietro Labriola verrà nominato direttore generale.

Intanto, Luigi Gubitosi continuerà a far parte del Consiglio di Amministrazione di Tim in qualità di consigliere.

Tim, l’ad Luigi Gubitosi rassegna le dimissioni: l’offerta d’acquisto del fondo americano KKR

Nel momento in cui hanno iniziato a circolare le prime indiscrezioni sulle possibili dimissioni dell’amministratore delegato Gubitosi, le azioni di Tim hanno cominciato a salire di oltre l’1%.

In questo contesto, Gubitosi ha proposto di rassegnare le dimissioni per favorire l’offerta d’acquisto presentata da KKRche era stata respinta dal maggior azionista dell’ex monopolio Vivendi SA.

Per sostenere la sua tesi, l’ad di Telecom ha scritto una lettera che è stata presentata al CdA nel corso della riunione fissata per le ore 15:00 di venerdì 25 novembre.

Nella lettera, Luigi Gubitosi ha sottolineato: “Al fine di favorire il processo decisionale da parte del Consiglio di Amministrazione, metto a disposizione del CdA le deleghe che mi avete conferito, per vostra opportuna valutazione.

Se questo passaggio consentirà una più serena e rapida valutazione della non binding offer di KKR, sarò contento che sia avvenuto”.

Tim, l’ad Luigi Gubitosi rassegna le dimissioni: il leader della Lega, Matteo Salvini

In relazione alle dimissioni presentate da Luigi Gubitosi, si è espresso il leader della Lega, Matteo Salvini, che ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Bene l’abbandono delle deleghe da parte di Gubitosi, impensabile che andasse avanti nonostante risultati negativi e previsioni non mantenute.

Ora avanti nel nome della tutela dell’interesse nazionale: nessuna svendita di pezzi di azienda, tutela della rete pubblica, salvaguardia di investimenti e occupazione, no al cedimento a interessi finanziari stranieri. Mercoledì incontrerò tutte le sigle sindacali. Intanto Consob vigili sull’andamento del titolo, su acquisti, vendite e speculazioni”.

Contents.media
Ultima ora