×

Torna a casa Yu Xuan, la bambina più piccola del mondo

Torna a casa Yu Xuan, la bambina di Singapore più piccola del mondo: pesava 212 grammi ed era lunga 24 centimetri, ma alla fine ce l'ha fatta

La piccola Yu Xuan con i genitori

Yu Xuan, la bambina più piccola del mondo, torna a casa, aveva ben poche speranze di sopravvivere ma il miracolo stavolta lo hanno fatto scienza medica e solidarietà. La solidarietà di chi ha saputo della storia della bambina nata a Singapore e già additata come prossima a morire.

Perché? Perché alla nascita Yu pesava 212 grammi, una massa troppo esigua per un corpicino che sembrava destinato ad arrendersi. E invece Yu Xuan non si è arresa affatto e dopo 13 mesi trascorsi in ospedale e decine di giorni in terapia intensiva neonatale ha deciso che si, vale la pena vivere e vedere il mondo. 

Dopo un anno di lotta per la vita torna a casa Yu Xuan

Yu era nata un anno fa a Singapore dopo sole 25 settimane di gravidanza portate avanti da sua madre, nata grazie ad un parto cesareo di emergenza.

Si era deciso di intervenire perché la madre di Yu aveva la gestosi. Cos’è? Una malattia che si sviluppa in gravidanza e che porta la pressione della madre a toccare picchi tali per cui, tramite la placenta, il bambino può risentire di quelle “ondate” dannose anche per la madre e morire. Yu, la piccola Yu, era alta soli 24 centimetri e secondo una prima diagnosi del il National University Hospital (NUH) di Singapore aveva “una possibilità di sopravvivenza limitata”. 

Torna a casa Yu Xuan: da 212 grammi a 6,3 chili

Oggi, ad un anno di distanza, la piccola pesa 6,3 chili e i medici si sono potuti “permettere” di dimetterla. E le dimissioni di Yu hanno un sapore ancora più dolce di sfida difficile vinta, perché la battaglia della piccola contro le sue condizioni alla nascita è stata condotta con la sanità territoriale e quella mondiale alle prese con l’emergenza coronavirus. Ecco uno stralcio della nota con cui l’ospedale commenta le dimissioni di Yu: “Contro ogni previsione, con complicazioni di salute presenti già alla nascita, ha ispirato le persone intorno a lei con la sua forza e perseveranza, il che la rende una straordinaria bambina, un raggio di speranza in mezzo al tumulto di questo ano di covid”. 

Grazie anche al crowdfunding Yu Xuan torna a casa

In ospedale la piccola aveva ricevuto trattamenti disparati e l’aiuto di macchinari complessi, tutto questo con dei costi altissimi, costi coperti in parte da una meravigliosa, in quanto a riposta, campagna di crowdfunding che ha sostenuto economicamente la famiglia. Alla piccola toccheranno ancora molte sfide ed avrà bisogno di altre cure data la sua patologia polmonare in via di cronicizzazione, ma i medici sono ottimisti. Come potrebbero non esserlo dopo il miracolo di Yu?

Contents.media
Ultima ora